Cronaca

Voucher scuola, boom di richieste in Piemonte

A causa dell’emergenza Covid 19 le domande di sussidio sono cresciute del 54%. La Regione richiama il Governo: «Rischiamo un dramma sociale, servono subito 14 milioni di euro per garantire la possibilità di andare a scuola»

A causa dell’emergenza Covid19, le domande di sussidio ammesse sono cresciute del 54,4%, passando dalle 58.648 dell’ anno scorso alle attuali 90.585. Oltre allo stanziamento regionale, per coprire il fabbisogno occorrono altri 14 milioni di euro.

«Garantire il diritto allo studio è una priorità assoluta – dice l’assessore regionale all’Istruzione Elena Chiorino – Invece di occuparsi dei banchi con le rotelle, che non piacciono a nessuno e che non sarebbero privi di numerose criticità, dal costo alla sicurezza, il ministro all’Istruzione, Lucia Azzolina, farebbe meglio a occuparsi dei diritti fondamentali dei ragazzi, che devono poter iniziare il nuovo anno scolastico».

 

 

«Anche in Piemonte – aggiunge – dove, evidentemente a causa dell’emergenza Covi-d19 il termometro della povertà si è impennato e le richieste di voucher scuola, ammesse in graduatoria, sono aumentate del 54,4%».

Una situazione quasi disperata, dicono dalla Regione. Quest’anno sono state presentate e accolte 3.705 domande per quanto riguarda i contributi per iscrizione e frequenza, contro le 2.928 dello scorso anno. E per la prima volta le risorse non sono sufficienti nemmeno a coprire il 100% della suddetta voce, che gli anni scorsi faceva registrare, al contrario, considerevoli avanzi. In parole povere, centinaia di ragazzi non avrebbero nemmeno la possibilità di andare a scuola.

«In Piemonte – aggiunge Chiorino – le famiglie soffrono e hanno bisogno di risposte certe e immediate. La Regione Piemonte, come sempre, ha fatto la propria parte, ma non basta. Non possiamo continuare a leggere delle idee stravaganti del ministro Azzolina, che ora propone l’acquisto, giudicato da parecchi esperti inutile e dispendioso, dei banchi con le rotelle, che rappresenterebbe uno spreco ingiustificabile, a fronte del dramma sociale che stiamo vivendo, come dimostrano i nostri numeri».

L’assessore rinnova con forza al governo la richiesta di sostegno. «Questo è il momento di fare sul serio – dice Chiorino – di sostenere concretamente e rapidamente le nostre famiglie come ha fatto e sta facendo la Regione Piemonte. Scriverò immediatamente al Ministro, comunicandole tutti i dati con precisione certosina e attendendo di ottenere la completa copertura delle risorse mancanti a strettissimo giro di posta».

«In caso contrario – conclude l’assessore – ci troveremmo di fronte a un autentico dramma sociale, che causerebbe un incremento della povertà educativa, con l’impossibilità di veder garantito il diritto allo studio dei nostri ragazzi».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati