Ubriaco picchia la compagna, la sfregia e le taglia i capelli. Fugge in strada e trova riparo in un negozio

Arrestato, nel centralissimo corso Roma di Trecate, un 33enne peruviano. Il sindaco Binatti: «Orgogliosi di appartenere a una comunità nella quale gravi episodi suscitino sdegno e indignazione e si traducano in una concreta reazione»

Ubriaco picchia la compagna, la sfregia con un coltello e le taglia i capelli, quando lei fugge in strada lui prova a inseguirla, ma un testimone involontario l’aiuta, dandole riparo e dando l’allarme alle forze dell’ordine. L’episodio è avvenuto a Trecate, nel centralissimo corso Roma (nelle foto). Protagonisti una giovane donna peruviana e il suo compagno, T.D.A.C. di 33 anni anch’egli peruviano. L’uomo, già noto alle forze dell’ordine, è stato condotto in carcere con accuse di maltrattamenti. È fissata per oggi l’udienza di convalida dell’arresto (avvenuto martedì 9 novembre) eseguito dagli agenti della polizia locale di Trecate.

Subito dopo l’arresto il 33enne è stato condotto al comando di Villa Cicogna. Sempre lì la sua compagna ha ricostruito quanto accaduto poco prima nell’abitazione di un amico di cui i due, provenienti da Milano, erano ospiti. Dopo la fuga in strada, inseguita dal compagno, la donna ha trovato riparo nel negozio di un esercente di corso Roma.

Il sindaco Federico Binatti parla di «grave episodio di violenza» e aggiunge: «Non posso che ringraziare, oltre agli agenti, quei trecatesi che, assistendo alla lite in strada, non hanno esitato un momento a richiedere l’intervento della Polizia locale, che è immediatamente intervenuta fermando e immobilizzando l’aggressore. L’attenzione dei cittadini e la prontezza d’intervento degli agenti della nostra Polizia locale sono stati determinanti per assicurare l’uomo alla giustizia: siamo davvero orgogliosi di appartenere a una comunità nella quale gravi episodi come quello accaduto l’altro ieri suscitino sdegno e indignazione e si traducano in una concreta reazione. Davanti a certi episodi non si può e non si deve mai restare indifferenti e il senso civico e la collaborazione diventano davvero determinanti per la tutela delle vittime».
Di collaborazione parla anche la consigliera incaricata alle Pari opportunità Michela Cigolini. «E’ fondamentale che Istituzioni, cittadini e associazioni del territorio siano parti integranti nel lavoro di rete e responsabilità comune per intervenire e prevenire la violenza nei confronti delle donne».

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Elena Ferrara

Elena Ferrara

Nata a Novara, diplomata al liceo scientifico Antonelli, si è poi laureata in Scienze della Comunicazione multimediale all'Università degli studi di Torino. Iscritta all'albo dei giornalisti pubblicisti dal 2006.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni