«Sono orgogliosa della mia mamma»

Il kit di copertura, due pollici all’insù, l’espressione di chi prova a far trasparire un sorriso, anche se appena accennato. «Sono orgogliosa della mia mamma, ci vuole un certo carattere per amare un mestiere che in pochi cercano di fare, perché ti mette spesso a rischio», parla così la novarese Greta Di Muro: sua madre, Mara Veneroni, da circa 14 anni lavora all’istituto Sacco di Milano e si occupa della sanificazione di sale operatorie e reparti di terapia intensiva.

 

 

[the_ad id=”62649″]

 

 

«Al termine del turno arriva a casa stremata, non sempre riusciamo a parlarci perché svolge anche altre mansioni e corre da un capo all’altro di Milano, – racconta Greta – cosa mi dice quando ci sentiamo? Niente di speciale, ma sono parole di speranza, mi dice “Facciamo il meglio possibile, tutto andrà bene, ci vogliamo credere”. Io sono orgogliosa di lei, è la mia mamma ma anche il mio papà; il lavoro che fa la mette a rischio, lei ha un carattere forte, ci vuole fegato e lei ne ha. Sono orgogliosa in generale di tutti i medici, gli infermieri, gli operatori sanitari, tutti stanno facendo un grande lavoro per tutti noi».

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Elena Mittino

Elena Mittino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni