Si sgancia la cabina della funivia sul Mottarone: 14 vittime tra cui 2 bambini di 2 e 6 anni

Si sgancia la cabina della funivia sul Mottarone. Le vittime salgono a 14. È morto anche il bambino di 6 anni che era stato ricoverato al Regina Margherita di Torino, oltre a un altro di 2 anni deceduto sul colpo. Un terzo di 5 anni, fratellino di quello di 2, ha subito un trauma cranico, uno toraco-addominale e la frattura di entrambe le gambe ed è stato sottoposto a intervento chirurgico.

La tragedia è avvenuta nella tarda mattinata di domenica 23 maggio. Nella cabina, precipitata in mezzo ai boschi, c’erano 15 persone. La procura di Verbania ha disposto il sequestro della funivia e ha aperto un’inchiesta per omicidio colposo plurimo e lesioni colpose.

Impegnati sul posto Vigili del fuoco, Soccorso alpino e speleologico piemontese oltre a due eliambulanze e le squadre a terra che si sono trovati di fronte a uno scenario apocalittico.

«C’è un cavo tranciato, gli altri sono intatti, ma le questioni tecniche competono ad altri – ha detto ad Ansa il tenente colonnello Giorgio Santacroce, comandante del Nucleo operativo dei carabinieri di Verbania -. Al momento non risultano problemi di manutenzione, ma faremo tutti gli accertamenti possibili. Secondo le prime ricostruzioni, il cavo portante si è staccato all’altezza dell’ultimo pilastro e, nonostante dovrebbero esserci dispositivi di sicurezza, la cabinovia si è staccata. La cabinovia è rotolata a valle, finendo la corsa contro gli alberi. Gli altri cavi, invece, non risultano danneggiati».

«Il Ministero ha istituito una commissione su quanto accaduto e ha già avviato le verifiche sui controlli che sono stati svolti nel passato sull’impianto». Lo ha detto il ministro delle Infrastrutture e Mobilità sostenibili Enrico Giovannini al Tg1. «Si tratta di un evento drammatico che stiamo seguendo con la massima attenzione. Non appena informato ho preso contatto con il prefetto di Verbania-Cusio-Ossola che insieme al questore si stava recando sul luogo del disastro. Poi ho parlato con la capo dipartimento dei Vigili del fuoco e con il capo dipartimento della Protezione Civile. Il nostro pensiero va a chi ha perso la vita nell’incidente, ai bambini trasportati all’ospedale di Torino e alle loro famiglie».

Sul luogo della tragedia anche il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio, il vice presidente Fabio Carosso e l’assessore ai Trasporti e alla Protezione Civile Marco Gabusi. «Siamo sconvolti. Ci stringiamo forte alle famiglie delle vittime e preghiamo per i due bambini feriti con ogni speranza possibile nel cuore. È una tragedia enorme che ci toglie il fiato» ha detto Cirio.

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: «Il tragico incidente alla funivia Stresa-Mottarone suscita profondo dolore per le vittime e grande apprensione per quanti stanno lottando in queste ore per la vita. Esprimo alle famiglie colpite e alle comunità in lutto la partecipazione di tutta l’Italia. A questi sentimenti si affianca il richiamo al rigoroso rispetto di ogni norma di sicurezza per tutte le condizioni che riguardano i trasporti delle persone».

Il cordoglio del presidente del Consiglio Mario Draghi: «Ho appreso con profondo dolore la notizia del tragico incidente della funivia Stresa – Mottarone. Esprimo il cordoglio di tutto il Governo alle famiglie delle vittime, con un pensiero particolare rivolto ai bimbi rimasti gravemente feriti e ai loro familiari».

La funivia è stata aperta il 24 aprile dopo il periodo di chiusura dovuta alle restrizioni Covid. Nel 2014 l’impianto era stato completamente revisionato e poi inaugurato nel 2016.


Leggi anche

Tragedia sul Mottarone, cade la funivia. I nomi delle vittime. Ci sono 5 israeliani tra cui un bambino di 2 anni

 

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Cecilia Colli

Cecilia Colli

Novarese, giornalista professionista, ha lavorato per settimanali e tv. A La Voce di Novara ha il ruolo di caporedattore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni