Si riducono lo stipendio per donare al Maggiore: solidarietà da Oleggio

Una donazione di 5mila euro, una “piccola goccia” come la chiama Rosa Dell’Aquila, la titolare del bar della stazione di Oleggio. Da lei e dal figlio è nata l’idea di fare del bene nei confronti dell’ospedale Maggiore, per offrire un aiuto e subito le due bariste che lavorano lì si sono unite. Un’unica grande voce per fare del bene.

 

[the_ad id=”62649″]

 

«Io e mio figlio volevamo fare qualcosa per questa emergenza, – dice Rosa – di sacrifici ne abbiamo fatti parecchi, anche per aprire il nostro bar tabaccheria poco più di tre anni fa, abbiamo scelto di farne ancora e per un motivo importantissimo come questa pandemia. Mi sono commossa ancora di più quando le bariste che lavorano con me mi hanno detto di voler partecipare alla donazione». E lo hanno fatto riducendosi lo stipendio, facendo anche loro un sacrificio.

«Siamo solo una goccia, ma siamo contenti di poter essere insieme a tante altre gocce e fare del bene. Questo è il momento di tendersi una mano, di essere solidali, di essere comunità».

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Elena Mittino

Elena Mittino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni