Sciopero dei lavoratori del commercio alimentare, la Cisl non aderisce

Filcams Cgil e Uiltucs Uil, dopo l’ordinanza del presidente della Regione Cirio, con la quale viene stabilita la chiusura degli esercizi commerciali per il pomeriggio del giorno di Pasqua e per tutta la giornata di Pasquetta, a fronte della richiesta di stop per 48 ore avanzata dalle sigle sindacali di categoria, hanno proclamato lo sciopero dei lavoratori del commercio alimentare per la mattina di Pasqua. Una decisione non condivisa dalla Fisascat Cisl.

 

[the_ad id=”62649″]

 

«Dopo la firma del presidente della Regione – dice Mattia Rago della Fisascat Piemonte Orientale – sicuramente abbiamo avuto perplessità sulla decisione di tenere aperti i punti vendita nella mattinata di Pasqua, però crediamo che, in parte, ha accolto le nostre richieste. In questo momento lo sciopero, per quanto ci riguarda, non è una strada percorribile. Continueremo, come abbiamo sempre fatto sino ad oggi, a mantenere alta l’attenzione sulla salute e la sicurezza di tutti i lavoratori che operano durante questa emergenza».

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Daniela Fornara

Daniela Fornara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni