Proposta per un cimitero islamico a Pagliate, maggioranza in difficoltà

Dopo anagrafe e fondi europei, maggioranza in palese difficoltà – ieri mattina nella seduta del Consiglio comunale al Broletto – anche sulla questione riguardante la proposta per la realizzazione di un cimitero islamico nella frazione di Pagliate. A disotterrare (vale proprio il caso di dirlo) l’ascia di guerra era stato poco prima lo stesso candidato sindaco del Pd (ed ex vice primo cittadino nella precedente amministrazione) Nicola Fonzo con una pungente battuta: «Non sapete occuparvi di chi nasce (chiaro il riferimento, come detto, dell’anagrafe, ndr) e nemmeno di chi muore».

A palesare la difficoltà della maggioranza di centro-destra sul tema ci ha in qualche modo pensato indirettamente l’assessore ai Cimiteri Mario Paganini (al centro nell’immagine), che nella sua lunga e come sempre articolata illustrazione della delibera riguardante il nuovo Piano regolatore cimiteriale ha alla fine riconosciuto la positività del progetto presentato da chi l’aveva preceduto. Anzi, ha definito pure un «atto di civiltà giuridica» la scelta di destinare il camposanto abbandonato di Pagliate ai cittadini di fede islamica.

 

 

Tanto è bastato a Fonzo prima per ringraziare Paganini per la sua «onestà intellettuale», poi per ricordare quanto avvenne sei anni fa, quando di fronte all’iniziativa della Giunta Ballaré, «qualche esponente di centro-destra che all’epoca non faceva neppure parte di questo Consiglio e che addirittura sembrava dovesse candidarsi sindaco alla testa di un movimento civico, scendeva in strada per contestare le nostre proposte, dal Musa ad altro ancora. Oggi si fa quello che volevamo fare noi. Evidentemente solo gli imbecilli non cambiano mai idea».

L’ovvio riferimento all’esponente di Fratelli d’Italia Ivan De Grandis, accusato tra l’altro di un utilizzo fin troppo propagandistico dei social, ha visto il diretto interessato reagire prontamente, ma arrivando a di fatto a negare che a Novara ci sarà un cimitero islamico. Nella sostanza un vero e proprio “strappo” fra un componente della Giunta e un rappresentante della sua maggioranza. Strappo alla quale è servita poco la “toppa” di soccorso che ha cercato di collocare l’intervento di Valter Mattiuz (Forza Novara), mentre sull’altro fronte il capogruppo del Pd Rossano Pirovano ha invitato ha più volte invitato la maggioranza a «non nascondere la testa sotto la sabbia». Raggiunto in ogni caso il suo obiettivo politico, la minoranza ha comunque poi votato anch’essa il documento.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Luca Mattioli

Luca Mattioli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni