«Piemonte tra gli ultimi nella campagna vaccinale. Cirio cambi marcia»

Il vice presidente della commissione Sanità e consigliere regionale del Pd Domenico Rossi punta il dito contro il governatore e l'organizzazione dei vaccini

«Il Presidente Cirio da mesi ribadisce che chi uscirà prima dalla crisi sanitaria ne uscirà meglio anche dal punto di vista economico… bene, oggi sappiamo che saremo gli ultimi della fila tra le regioni italiane insieme al Veneto nella seconda metà di settembre».. Il vice presidente della commissione Sanità e consigliere regionale del Pd Domenico Rossi punta il dito contro il governatore Alberto Cirio e l’organizzazione della campagna vaccinale in Piemonte.

«Da mesi denunciamo problemi nella campagna vaccinale e ancor prima nei metodi di tracciamento attraverso i tamponi e nella gestione del sistema sanitario – prosegue Rossi -. Dal presidente e dai vari assessori coinvolti mai un’ammissione e un’apertura a un confronto costruttivo che, probabilmente, avrebbe contribuito a migliorare la gestione delle diverse fasi della crisi. Mi auguro che l’attenzione che da sempre Cirio rivolge alla sua comunicazione solleciti un cambio di marcia che permetta al Piemonte di recuperare posizioni. Si intervenga seriamente sul sistema di prenotazione troppo lento nel fissare gli appuntamenti per le prime dosi, come segnalano ancora tanti cittadini, ed estremamente rigido nella gestione delle date per le seconde dosi. Si superino le differenze di trattamento tra i diversi territori della nostra regione, solo oggi sono stati annunciati open day nel novarese ma nelle altre province tutto tace mentre a Torino tale modalità è già attiva: concentrare ogni sforzo sul capoluogo non significa fare il bene del Piemonte».

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *