Pd: «Ztl in centro storico? È una superstrada». L’assessore si difende: «Nel 2022 sanzionati 175 veicoli»

Durante il consiglio comunale del 7 marzo i consiglieri del Partito Democratico hanno presentato un’interrogazione per conoscere la situazione dei permessi ai veicoli della zona a traffico limitato in centro storico

Pd: «Ztl in centro storico? È una superstrada».L’assessore si difende: «Nel 2022 sanzionati 175 veicoli». Durante il consiglio comunale del 7 marzo i consiglieri del Partito Democratico, primo firmatario Mattia Colli Vignarelli, hanno presentato un’interrogazione per conoscere la situazione dei permessi ai veicoli della zona a traffico limitato del centro storico. Un argomento che era già stato sollevato da un’altra interrogazione del Pd durante la seduta dello scorso 21 dicembre in occasione della quale l’assessore alla Sicurezza Raffaele Lanzo aveva dichiarato che «con il 1 gennaio 2022 cesseranno le deroghe introdotte a partire dal marzo 2020 con lo scoppio dell’emergenza pandemica».

Ora i consiglieri dem sono tornati sul tema ricordando che « l’assessore, una volta evidenziato l’aumento dei permessi in deroga per l’accesso e la sosta in Ztl e la riduzione delle sanzioni negli ultimi anni si impegnava a garantire: la cessazione delle deroghe concesse negli ultimi due anni in ragione dell’emergenza, l’installazione di nuova segnaletica verticale per rendere più visibile le delimitazioni della Ztl, l’aumento dei controlli e delle sanzioni, unica misura in concreto utile per rendere effettive le limitazioni e creare una nuova capacità attrattiva in centro storico. I consiglieri hanno dunque chiesto «quali azioni sono state intraprese nel mese di gennaio per mantenere gli impegni assunti? Entro quali tempi si intendono aumentare i controlli e le sanzioni, e attraverso quali modalità organizzative?».

«Al 31 dicembre 2020 sono cessate le deroghe inizialmente concesse nel 2020 per l’emergenza Covid – ha affermato Lanzo -. Nei giorni scorsi è stata posizionata una nuova segnaletica, in particolare nella piazza Gramsci dove, è risaputo, il parcheggio selvaggio si era decisamente sviluppato. È anche stata programmata l’installazione di due cartelli per due posti auto per disabili e due per carico/scarico».

Sull’aspetto delle sanzioni, l’assessore ha specificato che «dal 1 gennaio al 25 febbraio 2022 sono state sanzionate 175 vetture. I controlli sono aumentati, come avevo già dichiarato, ma prima di comminare le sanzioni, preferiamo informare gli automobilisti con un avviso sui parabrezza in cui facciamo presente a coloro in Ztl la nuova segnaletica.

Con questa decisione vogliamo far capire che il nostro dovere è sì quello di far rispettare le regole, al fine di rendere ancora più attrattivo il nostro centro storico, ma non di mettere in atto un accanimento per sanzionare a tutti i costi».

«Non credo che un avviso su parabrezza possa essere la soluzione considerato che è vietato parcheggiare – ha ribattuto Colli Vignarelli -. Il centro storico non è più una Ztl, è una specie di superstrada. L’unica nota positiva è che se le sanzioni sono aumentate significa che le nostre interrogazioni sono servite: terremo gli occhi aperti sulla questione».

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Cecilia Colli

Cecilia Colli

Novarese, giornalista professionista, ha lavorato per settimanali e tv. A La Voce di Novara ha il ruolo di caporedattore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SEGUICI SUI SOCIAL