Omegna, nessuna farmacia con tamponi a prezzi agevolati. Il sindaco: «Inaccettabile»

L'adesione al protocollo è stata pari a zero così come in tutti gli altri Comuni del Vco. L'appello di Marchioni in un video

Sono oltre 200 le farmacie piemontesi che nel solo primo giorno hanno aderito al Protocollo che fornisce Test rapidi necessari all’ottenimento del Green pass (valido per 48 ore) a prezzi agevolati. Un accordo firmato il 5 agotso tra Ministro della Salute, ommissario straordinario per l’emergenza Covid-19, Federfarma, Assofarm e FarmacieUnite a cui, però, hanno aderito solo tre farmacie sul territorio novarese (Boca, Cureggio e Meina) e nessuna nel Vco. (leggi qui)

Una scelta che ha provocato la reazione del sindaco di Omegna, Paolo Marchioni, il quale ha rivolto ai farmacisti un video messaggio sui social: «Trovo francamente inaccettabile che le farmacie di Omegna e dell’intera provincia del Verbano Cusio Ossola non abbiano aderito a una misura così importante per contenere e contrastare un virus che, a distanza di un anno e mezzo, rischia ancora di tenerci in scacco, e per fornire un servizio così importante alla popolazione che ne fa richiesta e che, per giunta, prevede una quota di contribuzione a carico della pubblica amministrazione».

Qui il link del videomessaggio.

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *