M&Z, Lanzo: «La questione sul tavolo del presidente Cirio»

«Ho sottoposto la questione al presidente  Cirio e all’assessore Chiorino. La vicenda è preoccupante; i dipendenti che sono sospesi in questo limbo vivono in una situazione di angoscia. Si tratta di un’emergenza assoluta e va trovata una soluzione straordinaria. Per questo ho voluto rappresentare la necessità di un intervento straordinario da parte della Regione.

Non so come potremo intervenire ma mi auguro che si trovino le risorse o si faccia qualche intervento ad hoc, per garantire a queste persone un sostentamento. Naturalmente sono, e resto, a disposizione di lavoratori, sindacati e Prefetto per fare un quadro comune».

 

 

Così il consigliere regionale novarese Riccardo Lanzo dopo il rinnovato appello dei dipendenti che l’altro ieri si sono ritrovati sotto la Prefettura dove era in corso un incontro, chiesto dal sindacato per portare all’attenzione del Prefetto la grave situazione in cui si trovano,  «sospesi nel fallimento», senza lavoro, senza stipendio e anche senza ammortizzatori sociali.

 

«Il sindacato è soddisfatto e contento del fatto che le cose si siano mosse – dice Todero della Fim Cisl –  Ci auguriamo che questo porti a soluzioni concrete per i lavoratori che sono allo stremo; gli ultimi soldi che hanno ricevuto sono quelli percepiti a marzo relativi al contratto di solidarietà».

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Daniela Fornara

Daniela Fornara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni