L’Ordine dei medici sulla manifestazione choc: «Green Pass misura di buon senso»

Anche l’Ordine provinciale dei medici chirurghi e odontoiatri di Novara interviene dopo la manifestazione di sabato a Novara dei No Green Pass Green che ha accomunato l’attuale normativa alla dittatura nazista, con un evidente richiamo ai campi di sterminio.

«Non intendo entrare nel merito di una vicenda vergognosa che è già stata commentata un po’ da tutti, istituzioni e partiti politici e che ha gettato discredito sull’intera città – afferma il presidente dell’Ordine, Federico D’Andrea – ma vorrei cogliere l’occasione per riaffermare che il cosiddetto “green pass” è un provvedimento di buon senso e che ha permesso che si possano svolgere le più svariate attività economiche. Lungi da essere una misura liberticida, è una norma che va a tutela di tutti i cittadini».

«L’Ordine di Novara – aggiunge il presidente – ha partecipato attivamente nel mese di ottobre alla campagna “Il vaccino ci salva la vita. Vacciniamoci contro il Covid-19” lanciata dalla Federazione nazionale degli Ordini: non ci stancheremo mai abbastanza di ricordare come la vaccinazione sia una conquista della scienza al servizio dell’umanità e che il vaccino contro il Covid-19 ci permette di tutelare la vita e la salute di tutti e di uscire finalmente dall’incubo pandemico».

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Redazione

Redazione

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni