Lockdown e violenza in famiglia, la situazione a Novara

Dall’8 marzo, quando Novara e provincia sono state dichiarate “zona rossa”, fino alla metà dello stesso mese, i telefoni dei vari centri antiviolenza sono rimasti pressoché silenziosi. Poi qualche sporadica telefonata, spesso interrotta per l’impossibilità di parlare dovuta alla forzata convivenza tra le mura domestiche; ma poi da aprile e maggio tutto, purtroppo, è tonato alla “normalità”. Tra gli “effetti collaterali” del Covid dunque anche  violenze fisiche e psicologiche non denunciate nell’immediatezza, per l’oggettiva impossibilità di movimenti, ma anche per l’impossibilità, o il timore, di recarsi al pronto soccorso.

 

 

«Dal 7 al 14 marzo – ha riferito Elia Impaloni di Liberazione e Speranza – solo 4 telefonate riferite a casi nuovi; poi sono riprese, dalla metà del mese fino al 20 maggio: in tutto 21 nuove richieste di aiuto e 12 accompagnamenti pregressi».

Medesima situazione quella fotografata dal centro Aied.  «Dal 9 marzo ad oggi sono arrivate richieste di aiuto da parte di 10 donne; in massima parte si tratta di violenze fisiche e psicologiche».

Sul versante delle forze dell’ordine, per quanto riguarda la Questura, si è registrata una notevole diminuzione delle denunce per casi di violenza di genere nel primo mese di lockdown (a marzo una sola, via mail); quindi una ripresa ad aprile e maggio, con l’allentamento delle restrizioni, con numeri in linea con quelli dell’anno scorso. Una situazione che potrebbe trovare una spiegazione proprio nella convivenza forzata, e quindi minor libertà di azione e di movimento.

«Era evidente che il lockdown avesse bloccato le denunce – ha sottolineato Milù Allegra (Pd) – Visto che alla base c’è un tema educativo, sollecito il Comune ad intervenire con progetti, interventi e incontri a partire già dalla scuola materna. Dobbiamo lavorare su tutti gli ordini di scuola».

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Daniela Fornara

Daniela Fornara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni