La Novara che riparte, ma senza entusiasmi

La Novara che riparte, ma senza entusiasmi. Basta un giro in centro per rendersene conto nella prima giornata di apertura dopo quasi due mesi lockdown: nella mattinata di oggi, lunedì 4 maggio, infatti, sono pochissime le persone a piedi per le vie del centro storico, qualcuna in più tra i parchi e il viale delle Carrozze.

Il parcheggio dell’Allea è quasi pieno, molto meno quello di fronte al Conservatorio e in piazza Martiri. Sembra che questa mattina il luogo più frequentato sia stato il cimitero: circa 1000 ingressi in mezza giornata.

 

 

Per quanto riguarda i locali, molto hanno deciso di restare chiusi, altri invece hanno aperto per l’attività da asporto: «A parte i primi giorni, probabilmente perchè le persone non erano abituate, nelle scorse settimane abbiamo fatto poche consegne, poi però sono aumentate soprattutto nel weekend – dice Filippo Ombregozzi del bar ristorante Corona -. Questa mattina non pensavamo di avere un afflusso di gente importante, forse dovuto al fatto che la gente aveva voglia di bere un caffè del bar o prendere una brioche. L’80% sono persone che lavorano in centro: non è il volume di lavoro di prima ma i clienti affezionati si sono ricordati di noi e questo è incoraggiante».

«Abbiamo lavorato di più nelle scorse settimane con le consegne a domicilio – raccontano alla gelateria Macam – abbiamo appena aperto speriamo che ci sia un po’ di gente in giro».

«La normativa doveva essere più esplicita  – dichiarano a La Brace – e spiegare che il take away non è una cosa di passaggio ma funziona solo su prenotazione. La gente è più contenta perchè può uscire e ritirare direttamente, nelle scorse settimane abbiamo lavorato molto con le consegne a domicilio».

Primo giorno di apertura anche per le librerie: «Siamo sempre stati presenti con le consegne a domicilio – dicono alla libreria Lazzarelli – da oggi siamo aperti con entrate contingentate, due persone alla volta. Cerchiamo di evitare la gente si fermi troppo all’interno della libreria ma che arrivi già con le idee precise. Vediamo come andrà nei prossimi giorni».

 

 

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Cecilia Colli

Cecilia Colli

Novarese, giornalista professionista, ha lavorato per settimanali e tv. A La Voce di Novara ha il ruolo di caporedattore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni