Cronaca In Piemonte

Domenico Rossi: «Certezze sui fondi per il post alluvione»

Per il consigliere regionale del Pd l'informativa in Commissione da parte dell'assessore Gabusi «ha contribuito a fare un po' di chiarezza sulle risorse da destinare per la ricostruzione»

Per ripartire dopo l’alluvione occorrono certezze sui fondi per la ricostruzione. Lo dice il consigliere regionale del Pd Domenico Rossi spiegando come, «con l’informativa dell’assessore Gabusi in commissione, finalmente è stata fatta un po’ di chiarezza sui fondi per la ricostruzione dei i danni causati dagli eventi alluvionali». Il commento è avvenuto al termine dell’ultima seduta della V Commissione, in cui sono stati affrontati nel dettaglio i temi del dissesto idrogeologico e le modalità di richiesta di aiuti allo Stato.

«Con la dichiarazione dello stato di emergenza – spiega Rossi – il Governo metterà a disposizione subito le risorse per fronteggiare gli interventi di somma urgenza, quantificati al momento dalla Regione in 230 milioni di euro, poi ci saranno 90 giorni di tempo per la ricognizione dei danni urgenti e dei privati». Per questi ultimi si intendono aziende e cittadini «ma non vorrei che su questi ultimi si siano alimentate troppe aspettative, considerate le difficoltà del passato nel riconoscere i rimborsi richiesti».

 

Da un lato il necessario sostegno al territorio per superare l’emergenza, dall’altro la necessità di programmare interventi nel medio-lungo termine. Dopo la proposta, avanzata con una specifica mozione, approvata martedì 13 ottobre in Consiglio regionale, di istituire una struttura di missione regionale per assistere gli enti locali nella progettazione su interventi contro dissesto idrogeologico, il consigliere novarese è intervenuto sul tema della pulizia idraulica: «La commissione ha condiviso la mia richiesta, sollecitata da molti sindaci ed amministratori, di convocare l’Agenzia Interregionale per il fiume Po (Aipo) per approfondire cosa è stato fatto negli anni scorsi e condividere una strategia comune per migliorare la pulizia degli alvei e la manutenzione del territorio».

Infine, Rossi ha posto sul tavolo della commissione la situazione critica dovuta al crollo del ponte di Romagnano Sesia: «Si tratta di un’infrastruttura fondamentale per il territorio, tanto che sarà al centro di una riunione dedicata in Regione nella mattinata di venerdì 16. Sosterrò, anche in quella sede, la necessità di individuare un commissario ad acta al fine di semplificare, velocizzare e monitorare i lavori per il ripristino del collegamento tra le due sponde del fiume Sesia. Un’opzione che, con il segretario regionale del Partito Democratico, Paolo Furia, sto sollecitando anche presso il Governo».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati