Denunciato titolare del circolo, faceva entrare i clienti dal retro

Primo daspo urbano

Denunciato titolare del circolo, faceva entrare i clienti dal retro. È successo nella zona di corso Risorgimento nell’ambito dei controlli coordinati dalla Questura di Novara volti a verificare il rispetto delle prescrizioni del dpcm del 9 marzo. Inoltre sono state denunciate 6 persone che erano uscite di casa senza un giustificato motivo.

«Nonostante l’emergenza, gli agenti della polizia locale stanno operando in modo incessante, rispondendo, con grande spirito di dedizione, alle richieste dell’amministrazione di aumentare quanto più possibile i controlli, perché solo in questo modo riusciremo a superare questo momento – spiega l’assessore alla Sicurezza Luca Piantanida – Ogni segnalazione viene verificata in tempo reale per dare la priorità ai controlli relativi alla salute pubblica. Da parte dell’amministrazione, quindi, un ringraziamento speciale a tutti gli agenti per lo straordinario lavoro che stanno svolgendo».

 

 

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Una risposta

  1. Unisco a quelli dell’amministrazione i ringraziamenti miei (e di tutti quelli che la pensano come me) rivolti agli agenti e a tutti coloro che si trovano impegnati sul campo in questo momento così drammatico, per il lavoro che stanno svolgendo, con grande abnegazione, affrontando un rischio molto elevato. Ricordo, a chi ancora non avesse preso piena consapevolezza della assurda realtà che ci ha investiti, che prendere precauzioni per la difesa della propria incolumità è obbligo dovuto, imposto dall’intelligenza (!!!), ma ancor più lo è attenersi a comportamenti (peraltro giustamente imposti) che mirino a tutelare l’incolumità altrui, soprattutto di coloro che sono maggiormente esposti e non possono sottrarsi al rischio di infezione per dovere di impegno (gli operatori coinvolti), o per condizione, (gli anziani e chi, per sfortuna propria, non gode di buona salute), Il pensiero di un nonnino costretto a soffrire in isolamento e magari a (…!!) da solo a causa di qualche “Vuoto a Perdere Mentale” che, per leggerezza, o demenziale senso di invulnerabilità, è poi finito ad occupare un posto d’ospedale che poteva andare a qualcun altro, più bisognoso, mi tormenta in continuazione. (E dovrebbe tormentare tutti !!!!!!!!!)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: