Campo di atletica Gorla, il bando non c’è ancora. Amatori Master: «Vogliamo chiarezza»

La denuncia del presidente della società: «Siamo pronti a partecipare alla gara per la gestione della struttura, ma finora ci siamo sentiti presi in giro»

Si sa che la pazienza non è da tutti e che soprattutto, nella stragrande maggioranza dei casi, non può essere infinita. Questa volta ad averla persa sono gli Amatori Master Novara, da anni in attesa che si sblocchi la vicenda legata al nuovo bando per la gestione del campo di atletica Gorla.

«Ci sentiamo letteralmente presi in giro» sbotta Carlo Delmastro, presidente del sodalizio, per il quale le problematiche hanno avuto origine nel 2008 quando l’allora assessore Franco Caressa (durate la seconda amministrazione Giordano), in ottica di risparmio per le casse comunali, prese la decisione di affidare la gestione dell’impianto a un privato. Ma questa sarebbe solo la sola tappa di una vicenda iniziata in tempi ancora più remoti, alla fine degli anni ’50, quando la struttura venne realizzata insieme ai sottoservizi, poi “ampliata” per consetire l’utilizzo agli altri impianti sportivi come il “Piazzano” e il palasport “Dal Lago”. Secondo Delmastro ancora oggi «non è facile quantificare i costi gestionali in quanto le utenze costituiscono un tutt’uno con quelle di altri, palazzetto incluso».

Venendo alla storia più recente, il presidente degli Amatori Master denuncia per l’ennesima volta come a fronte di un bando scaduto ormai da tre anni «non si riesca a capire il perché di tanta attesa per indire una nuova gara. A seguito di reiterate lamentale ci siamo sentiti rispondere che l’attuale gestore paga regolarmente. Sollecitiamo la pubblicazione della nuova gara perché potremmo anche prendere in considerazione la possibilità di prendervi parte».

A tutto questo si sono aggiunti notevoli disagi per i tesserati del sodalizio: «Fino alla fine dello scorso anno abbiamo avuto la possibilità di usufruire della struttura due ore al giorno, poi non più – aggiunge il presidente -. Inoltre da ormai tre mesi siamo costretti a chiedere ospitalità ad altre società, tanto che abbiamo segnalato la cosa anche alla Fidal (la Federazione di atletica leggera, ndr) nazionale e regionale. Fino a quanto? Qualcuno ce lo dica».

E con il nuovo assessore? «Abbiamo avuto una chiacchierata informale un paio di mesi fa e, contando sul suo proverbiale attivismo, pensavamo che la situazione potesse sbloccarsi, ma recentemente ci siamo sentiti rispondere che il Comune non metterebbe a sua disposizione l’incaricato in grado di effettuare il rilievo catastale per poter predisporre il bando. Mi sembra davvero una scusa pietosa» – conclude Delmastro.

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Luca Mattioli

Luca Mattioli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Sezioni