Cronaca In Piemonte

Maltempo, danni per 1 miliardo di euro e 200 anni per tornare alla normalità

Sono le cifre stimate da Regione e Arpa. Nel novarese oltre 36 milioni di euro. Il resoconto è stato presentato questa mattina a Roma dal governatore Cirio al ministro dell'Interno Lamorgese

Maltempo, danni per 1 miliardo di euro e 200 anni per tornare alla normalità. Sono le cifre stimate da Regione e Arpa dopo il disastro ambientale che si è abbattuto lo scorso fine settimana su tutto il territorio piemontese.

Gli eventi metereologici hanno avuto un carattere ‘eccezionale’, tanto che nelle aree più coinvolte i tempi di ritorno ad una situazione di normalità superano, secondo l’Arpa, i 200 anni. Come sottolinea il rapporto dell’Arpa i valori di pioggia registrati rappresentano più del 50% della precipitazione media annuale. Valori eccezionali sono stati registrati nel comune di Valstrona (VB) con oltre 650mm di pioggia e nel comune di Mergozzo (VB) con oltre 600 mm. Nell’alta val Tanaro a Limone Piemonte (CN) sono caduti quasi 600 mm di acqua, quasi tutti nella giornata del 2 ottobre; valori estremi sono stati registrati anche nella stazione nel comune di Garessio (CN) con oltre 400 mm.

Il novarese, dove è crollato il ponte che collega Romagnano Sesia e Gattinara, ha completato la prima stima dei danni evidenziando 48 interventi per oltre 36 milioni di euro, a cui si aggiungono i lavori di somma urgenza per il rispristino dei dissesti lungo il fiume Sesia a San Nazzaro e a Villata per circa 2,5 milioni di euro.

 

 

Il resoconto è stato presentato questa mattina, martedì 6 ottobre, a Roma dal governatore Alberto Cirio al ministro dell’Interno Luciana Lamorgese. «Si tratta di una prima rendicontazione dell’elenco degli interventi di somma urgenza necessari al ripristino in sicurezza del nostro territorio – spiega Cirio -. Le cifre non sono ancora definitive, ma sommando i danni alle opere pubbliche a quelli subiti dai privati, famiglie e aziende (industria, commercio, artigianato, agricoltura) parliamo di una cifra che si aggira intorno a un miliardo di euro. È necessario che il Governo faccia la sua parte».

Le precipitazioni hanno generato sui corsi d’acqua onde di piena che, nei bacini del Toce e del Sesia, hanno superato i livelli di riferimento storici della piena dell’ottobre 2000 e sull’alto Tanaro quelli del novembre 2016. Il fiume Sesia, da monte a valle, ha raggiunto livelli mai registrati da quando esistono le stazioni meteo automatiche. La piena è risultata abbondantemente superiore sia a quella del 2000 che del 1993 ed ha avuto una magnitudo paragonabile alla maggiore piena storica degli ultimi 100 anni verificatasi nel 1968.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati