Dal Comune nuovi contributi alle famiglie più bisognose

Approvata questa mattina dalla Giunta una misura dell'importo di poco superiore ai 430 mila euro. L'assessore Piantinida: «Necessario continuare a monitorare la situazione nei nuclei più fragili. Stavolta la procedura sarà più snella e immediata»

Dal Comune di Novara arrivano nuovi contributi economici per il sostegno alle famiglie più bisognose. Lo stanziamento, per conplessivi 432.900 euro, è stato approvato questa mattina – mercoledì 10 novembre – dalla Giunta. Al contributo, che sarà erogato nel giro di qualche settimana dopo la pubblicazione del bando, potranno accedere i residenti a Novara che abbiano una certificazione Isee inferiore o uguale a 8.300 euro. La somma sarà di 200 euro per nuclei fino a due componenti; 300 per quelli di tre o quattro; 400 per cinque o più componenti.


«Come avevamo anticipato – ha spiegato l’assessore alle Politiche sociali Luca Piantinida – andremo ad ad erogare ulteriori fondi Covid a favore dei nuclei familiari più fragili. Anche la nostra città ha vissuto momenti difficili non solo dal punto di vista sanitario ma anche economico. Crediamo sia necessario continuare a monitorare una situazione che non si è conclusa ma le cui conseguenze gravano ancora su diverse famiglie che fanno parte del tessuto sociale della nostra comunità. Questa volta, l’accesso al contributo verrà facilitato mettendo a disposizione degli utenti una procedura più snella e immediata».


Per Piantanida «sarà fondamentale utilizzare tutti gli strumenti economici che i Comuni hanno a disposizione e allo stesso tempo intercettare i bisogni della nostra gente affinché chi versa in condizioni di fragilità e di difficoltà possa conoscere e beneficiare degli strumenti agevolativi a loro disposizione. L’Assessorato sta lavorando anche in questa direzione perché nessuno, nella nostra città, venga lasciato solo».

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SEGUICI SUI SOCIAL