Da domani tutta l’Italia è zona protetta 

Da domani tutta l’Italia è zona protetta. In serata il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte firmerà un nuovo provvedimento con cui le misure contenitive in vigore finora in Lombardia e in altre quattordici province, tra cui Novara e Vco, vengono estese a tutto il Paese. Il nuovo decreto sarà in vigore fino al 3 aprile.

«Dobbiamo cambiare le nostre abitudini – ha detto Conte – perché il numero dei contagiati e dei decessi è in aumento. Dobbiamo rinunciare tutti a qualcosa per il bene dell’Italia che poi sono i nostri cari; lo dobbiamo fare subito e ci riusciremo solo se tutti collaboreremo e ci atterremo a queste norme. Per questo ho deciso di adottare misure più forti per riuscire a contenere l’avanzata del virus e tutelare la salute di tutti pur contemperando altri interessi».

 

[the_ad id=”62649″]

 

«Sto per firmare un provvedimento che si può riassumere con lo sloga “io resto a casa” con cui non esiste più una zona rossa, ma tutta l’Italia diventa zona protetta; sono, dunque, da evitare gli spostamenti a meno che non siano motivati per ragioni di lavoro, casi di necessità o motivi di salute. È previsto anche assembramenti all’aperto e in locali aperti al pubblico. Non ce le possiamo permettere perché anche queste possono essere occasioni di contagio».

«Sono consapevole della responsabilità, ma devo intervenire per proteggere tutti noi e lev persone più vulnerabili. Viviamo in una società che garantisce le cure a tutti e questa è la caratteristica della nostra civiltà: non possiamo abbassare la guardia. Medici e infermieri stanno rischiando la loro salute per curare gli altri. La decisione di oggi è di stare a casa, il futuro è nelle nostre mani e devono essere mani responsabili, ognuno di noi deve fare la propria parte. Tutti gli sport sono sospesi e non possono neanche essere usate le palestre, le scuole resteranno chiuse».

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *