Rivolta nelle carceri, Novara in controtendenza

Da Torino a Milano, da Modena a Prato e poi ancora Roma, Foggia, Palermo, Napoli, Alessandria, Vercelli e altri. Dilaga a macchia d’olio la protesta nelle carceri italiane a causa della sospensione dei colloqui, decisa come misura di contenimento al contagio da coronavirus. A Novara nessun problema, grazie anche alla decisione della direzione di estendere le possibilità di comunicazione, via telefono o via Skype, da una a sei volte alla settimana, in pratica tutti i giorni, dal lunedì al sabato, in due fasce orarie, alla mattina o al pomeriggio.

 

 

[the_ad id=”62649″]

 

«Al momento nessun atto di protesta – conferma la direttrice, Rosalia Marino  – Questa mattina ho incontrato gli agenti e i detenuti di tutte le sezioni. Visto che è un diritto sentire moglie e figli, e a Novara già da tre anni si fanno colloqui anche via Skype, per venire loro incontro ho esteso questa possibilità da una volta la settimana a sei giorni, dal lunedì al sabato».

Potranno dunque scegliere tra l’opzione delle due fasce orarie e delle modalità. Nessuna intemperanza dunque; anzi «sono loro stessi che stanno tutelando i familiari»

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *