Covid, aumentano casi e ricoveri ma Novara meglio del Piemonte

Rt a 1,36 ma si resta in "zona bianca". Nel Novarese 743 attualmente positivi, cinque volte in più di un mese fa: contagi soprattutto nell'alta provincia. Negli ospedali 24 pazienti, nessuno in intensiva. Nell'ultima settimana 5 decessi e 20 ricoveri. A Borgomanero su 15 nuovi ospedalizzati ben 11 sono non vaccinati

Contagi da Covid in forte risalita nel Novarese e nella nostra regione, nel pieno dell’avvio della “quarta ondata”, anche se il Piemonte resta tra quelle a minor incidenza e indice di positività (ben sotto la media nazionale) e con tassi di occupazione ospedaliera ancora lontani dai limiti che proiettano in zona gialla. In serata si è avuta la conferma che resta in zona bianca anche se l’Rt puntuale, il dato che misura la contagiosità, è salito da 1,21 a 1,36.

In Provincia di Novara la situazione è ancora più controllata: l’incidenza (ieri, giovedì 2 dicembre) è a 128 (casi settimanali per 100mila abitanti) contro i 136 regionali ma comunque il 25% in più di sette giorni fa e i nuovi casi positivi registrati sono 79 contro una media dell’ultima settimana di 66 al giorno. Indubbiamente sono segnali di recrudescenza dei contagi che si confermano nelle 743 persone attualmente positive in Provincia (+5,5% su sette giorni fa, dato che riporta ai livelli di metà maggio in uscita dalla “terza ondata”) e nei 24 malati di Covid ricoverati nei due ospedali (come non accadeva da inizio giugno).

IN PIEMONTE

In Piemonte oggi un numero quasi record di tamponi (62.935) ha fatto rilevare 1.204 nuovi casi positivi (da cui un indice di positività all’1,9%, contro il 2,5% nazionale): non si superava quota mille da fine aprile, ma allora i tamponi giornalieri erano in media 20mila. Casi in crescita anche per i malati ospedalizzati: 436 (27 in più di ieri, +73 su sette giorni fa) con un dato che non si vedeva da metà giugno; di questi 36 sono in terapia intensiva (+3 su ieri, +5 su giovedì scorso). giovedì 2 dicembre in Regione sono decedute due persone malate di Covid, mercoledì 4, nell’ultima settimana in totale 16 e nella settimana precedente 21.

Dai dati aggiornati a venerdì 3 dicembrei in Piemonte 2 su 3 dei pazienti ricoverati per Covid in terapia intensiva non sono vaccinati. In particolare, dei 34 ricoveri attuali 25 riguardano pazienti non vaccinati (16 uomini e 9 donne), altri 9 sono invece pazienti vaccinati (5 uomini e 4 donne), ma con un quadro clinico serio per patologie pregresse.

Le persone attualmente positive sono 11.099, cioè 2,7 ogni mille abitanti, salite del 34% rispetto alle 8.607 di giovedì scorso.

NEL NOVARESE IL CONTAGIO BALZA NELL’ALTA PROVINCIA

Il Novarese mostra un quadro migliore di quello piemontese (e i dati di incidenza e nuovi casi per abitanti la collocano appena sotto metà classifica fra le province italiane) tuttavia il trend di risalita dei contagi è allarmante: i 743 contagiati attuali rappresentano il 30% in più di giovedì scorso ma quasi il quintuplo dei casi di quattro settimane fa. Allora i Comuni senza contagiati erano 48, adesso meno della metà: 22.

In forte crescita sono soprattutto i centri dell’area settentrionale, dove sembra essersi spostata la capacità di contagio: un mese fa nell’area Nord della Provincia c’era 0,38 contagiati su mille abitanti contro gli 0,47 dell’area Sud, adesso l’indice dell’area con Novara e hinterland è a 1,61 mentre è a 2,72nell’alta Provincia dove i casi sono aumentati di 7 volte in quattro settimane, da 55 a 389.

NEGLI OSPEDALI PIU’ DECESSI E RICOVERI IN AUMENTO

Situazione di allerta anche negli ospedali: al 2 dicembre 12 ricoverati sono al Maggiore di Novara (+2 su mercoledì) e 12 al SS Trinità di Borgomanero (-2 su mercoledì): nessuno è in terapia intensiva. Tuttavia nell’ultima settimana si sono registrati 5 decessi, 1 a Borgomanero (come nella settimana precedente) e ben 4 al Maggiore, dove il precedente caso di morte era avvenuto il 16 ottobre.

In netta ripresa anche i nuovi ricoveri di malati Covid: ben 20 nuovi ingressi nell’ultima settimana (12 a Novara e 8 a Borgomanero) contro i 9 della settimana precedete (rispettivamente 2 e 7). L’Asl Novara, aggiorna anche sullo stato vaccinale dei ricoverati: dei 15 pazienti arrivati al SS. Trinità dal 18 novembre 11 sono persone non vaccinate e 4 sono vaccinati.

I COMUNI CON I PIU’ ALTI TASSI DI CONTAGIATI

Nel Novarese i comuni con maggiore presenza di contagiati sono al Nord e nell’Ovest Ticino: tra i centri maggiori Gattico-Veruno con 24 casi ha un tasso di 4,65 infetti su mille abitanti, seguito da Romentino (23 casi, tasso 4,14), Gozzano (17 e 3,14), Castelletto Ticino (30 e 3,09), Borgomanero (56 e 2,64), Cameri (26 e 2,43) e Bellinzago (20 e 2,11).

Guardando ai piccoli centri si segnalano alcune situazioni critiche: a Orta San Giulio i 42 casi presenti da giorni indicano un contagio che interessa il 3,3% dei residenti, ma sono elevati anche i tassi di 9,75 infetti su mille residenti a Oleggio Castello, 9,74 a Soriso, 9,26 a Landiona e 8,07 a Carpignano Sesia.

Più tranquilla la situazione a Novara, che pure in settimana ha superato i cento casi: al 2 dicembre sono 126 (dato più alto da un lieve picco registrato a metà agosto) pari a 1,24 contagiati ogni mille abitanti.

https://datawrapper.dwcdn.net/lhMcQ/6/

Di seguito il quadro degli attualmente positivi in tutti i Comuni nella Provincia: in prima colonna i casi a giovedì 2 dicembre e in seconda colonna il relativo tasso su mille abitanti; in terza colonna i positivi a giovedì 25 novembre e, in quarta, quelli di giovedì 4 novembre.

2 dic25 nov4 nov
Agrate Conturbia53,20350
Ameno00,00000
Armeno52,34351
Arona261,8911810
Barengo00,00000
Bellinzago N.202,112113
Biandrate00,00005
Boca10,89711
Bogogno53,88860
Bolzano N.10,86300
Borgo Ticino40,76922
Borgolavezzaro31,52860
Borgomanero562,638447
Briga N.31,07210
Briona00,00002
Caltignaga00,00000
Cameri262,427112
Carpignano Sesia208,068227
Casalbeltrame22,02821
Casaleggio N.00,00000
Casalino00,00000
Casalvolone11,14831
Castellazzo N.00,00000
Castelletto Ticino303,092244
Cavaglietto00,00000
Cavaglio d’Agogna00,00000
Cavallirio21,53310
Cerano91,3531611
Colazza00,00010
Comignago00,00012
Cressa84,963100
Cureggio51,92613
Divignano21,43221
Dormelletto20,79302
Fara Novarese10,50122
Fontaneto d’Agogna72,69270
Galliate261,680284
Garbagna N.96,37830
Gargallo63,43840
Gattico-Veruno244,652120
Ghemme102,942124
Gozzano173,143151
Granozzo con Mont.00,00011
Grignasco71,61363
Invorio112,55880
Landiona59,25960
Lesa10,46141
Maggiora106,23470
Mandello Vitta00,00000
Marano Ticino10,62610
Massino Visconti00,00000
Meina72,91791
Mezzomerico00,00000
Miasino11,25520
Momo62,49141
Nebbiuno52,77510
Nibbiola00,00000
Novara1261,2368036
Oleggio241,694158
Oleggio Castello219,74920
Orta San Giulio4232,993421
Paruzzaro62,81470
Pella44,52540
Pettenasco21,51510
Pisano00,00010
Pogno42,89243
Pombia62,82540
Prato Sesia42,15731
Recetto11,07502
Romagnano Sesia123,19384
Romentino234,144160
S. Maurizio d’Op.20,66720
S. Nazzaro Sesia00,000110
S. Pietro Mosezzo31,55841
Sillavengo00,00000
Sizzano32,16910
Soriso79,73620
Sozzago32,76210
Suno82,95330
Terdobbiate00,00000
Tornaco11,13600
Trecate401,962435
Vaprio d’Agogna22,07701
Varallo Pombia71,44622
Vespolate10,49600
Vicolungo11,15900
Vinzaglio00,00000

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Antonio Maio

Antonio Maio

Nato a Lecco il 26 febbraio 1957, vive a Novara dal 1966. È sposato e ha un figlio. Iscritto all'ordine dei giornalisti il 30 aprile 1986 ha svolto la professione quasi esclusivamente ai nove settimanali della Diocesi di Novara fino a diventarne direttore nel settembre 2005, carica mantenuta fino a tutto il 2016.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni