Costretta a stare seduta se portava la gonna, marito condannato per maltrattamenti

Condannato dell’ex marito M.R., 39 anni, di Bellinzago Novarese, a 2 anni di reclusione

Le aveva rivolto frasi minacciose come: «Ti ammazzo, ti sotterro». E poi percosse, schiaffi, strattonamenti. Geloso, non voleva addirittura che la moglie uscisse in gonna, perché poteva attirare l’attenzione di altri uomini. Ancora, messaggi molesti, anche sui social. Una lunga serie di vessazioni fra le mura domestiche quelle raccontate nel maggio del 2019 da una trentasettenne aronese ai carabinieri. La sua denuncia, in tribunale a Novara, ha portato alla condanna dell’ex marito M.R., 39 anni, di Bellinzago Novarese, a 2 anni di reclusione per maltrattamenti in famiglia, un anno in meno rispetto alla richiesta dal pm. La pena è stata sospesa a condizione che l’imputato paghi la provvisionale da 2.500 euro come risarcimento alla vittima. La difesa aveva chiesto invece l’assoluzione.

Fra gli episodi cui ha fatto riferimento la donna nel corso della sua testimonianza c’è quello del 18 aprile 2018, quando a una cena di compleanno fuori casa era stata costretta a stare seduta tutto il tempo proprio perché indossava una gonna. Il giorno dopo il marito geloso le aveva rotto il cellulare accusandola di tradirlo, tirando un calcio anche a lei. Più o meno nello stesso periodo l’uomo aveva pubblicato sui siti «bakeka» e «escort» annunci sessuali con le foto di lei. In diversi l’avevano contattata, chiedendo incontri.

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2023 La Voce di Novara - Riproduzione Riservata
Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Sezioni