Cronaca

Collegamenti tra Piemonte e Liguria: interviene la Regione

L'assessore ai Trasporti Gabusi chiede che il governo intervenga sull’eliminazione del distanziamento fisico a bordo dei treni. E affronta il tema delle code interminabili lungo le autostrade di collegamento

Il tema dei trasporti tra Piemonte e Liguria è sotto la lente di ingrandimento. A cominciare dai treni sovraffollati. Non c’è una linea di regia che detti le regole e, ancora una volta, sono le regioni a intervenire in ordine sparso.

«Da settimane abbiamo chiesto al governo di intervenire sull’eliminazione del distanziamento fisico a bordo dei treni in modo da tornare a un’offerta di posti completa ed evitare così i sovraffollamenti che si stanno verificando da quando sono stati aperti i confini regionali. Da Roma non abbiamo ricevuto risposta. Perciò abbiamo deciso di procedere in autonomia – dichiara l’assessore regionale ai Trasporti Marco Gabusi -.

Nella serata di ieri la Regione ha ricevuto il responso positivo da parte del Comitato tecnico scientifico piemontese e della task force guidata dal professor Fazio: «Questo ci consentirà di poter utilizzare tutti i posti a disposizione sui mezzi abolendo il distanziamento fisico e mantenendo il solo obbligo della mascherina – prosegue l’assessore -. I dati sanitari del Piemonte sono buoni, per cui ci auguriamo di ricevere a breve il parere positivo e di ripristinare in pochi giorni tutti i posti disponibili sui mezzi».

 

 

La nota polemica riguarda proprio l’assessa di una una linea comune, almeno per le regioni del nord: «Il ricorso a misure regionali senza coordinamento nazionale è la prova concreta di come certe norme debbano avere una loro omogeneità che vada al di sopra delle differenze tra regioni e tra province – continua Gabusi -. È anche dimostrazione dell’assenza del governo su temi che sollecitiamo ormai da troppo tempo: le Regioni sono state lasciate sole e si sono dovute arrangiare creando, loro malgrado, situazioni di disparità come quella dei treni che possono partire pieni dalla Liguria, ma non dal Piemonte o dalla Lombardia. Sulla questione i presidenti del Piemonte e della Liguria si sono confrontati in queste ore per superare l’impasse che crea differenziazioni che non dovrebbero esserci tra regioni confinanti».

Altro argomento di stretta attualità è quello delle lunghe code che, in modo particolare nell’ultimo fine settimana, si sono create sulle autostrade a causa dei cantieri lungo la A26, A10 e A12: galleria chiuse, corsie uniche che, pare, resteranno tali almeno fino a metà luglio.

«Una situazione che sta creando notevoli difficoltà – dichiarano il presidente Cirio ei l’assessore Gabusi in una lettera inviata ad Autostrade – soprattutto ai cittadini che devono raggiungere la Liguria per motivi professionali, oltre che agli autotrasportatori e a tutte le persone che devono raggiungere parenti o case di proprietà».

Il lockdown ha inciso negativamente sulla programmazione dei lavori, ma Cirio e Gabusi auspicano una diversa organizzazione dei cantieri: «È l’unico modo per far defluire il traffico – spiegano -. La ripresa degli spostamenti è fondamentale per consentire ai cittadini di tornare alla normalità. Per quanto riguarda le tariffe, chiediamo di valutare la possibilità di una scontistica».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati