Comunali Arona e altri 5 centri: spoglio dalle 9 di martedì mattina
21 settembre 19:44
Referendum, Provincia di Novara definitivo: SI 97.730 voti (69,68%); NO 42.532 voti (30,32%)
21 settembre 18:44
Referendum, affluenza definitiva: Italia 53,84%, Piemonte 51,55%, Provincia 50,48%, Novara città 47,28%
21 settembre 18:39
Referendum, NOVARA definitivo: SI 67,61%; NO 32,39%
21 settembre 17:55
Referendum, a Trecate (definitivo): SI 74,65%; NO 25,35%
21 settembre 17:28
Referendum, a Galliate (definitivo): SI 73,17%; NO 26,83%
21 settembre 17:22
Referendum, a Cameri (definitivo): SI 74,31%; NO 25,69%
21 settembre 17:09
Referendum, a Borgomanero (definitivo): SI 67,53%; NO 32,47%
21 settembre 16:58
Comunali, affluenze definitive: Arona 59,71%, Invorio 67,20%, Garbagna 70,62%, Bogogno 69,96%, Vaprio 71,51%, Vinzaglio 74,74%
21 settembre 16:09


Cameri Cronaca Provincia

Cameri, torna “a casa” restaurata la Madonnina danneggiata

Con una semplice cerimonia, la statuetta, che era stata oggetto di un atto vandalico da parte di alcuni ragazzi, poi individuati dai carabinieri, è stata ricollocata nella nicchia all’ingresso della biblioteca

Era una mattina di inizio giugno quando una cittadina, residente a pochi metri dalla biblioteca, aveva trovato disseminati lungo la via tre pezzi (capo, tronco e basamento), della statuetta della Madonnina che da anni è conservata nell’edificio di via Novara, che dalla metà degli anni 2000 ospita la biblioteca, ma che fino a vent’anni prima era stata la casa di riposo del paese. E la Madonnina era sempre stata lì, a “vegliare” da tempo immemorabile; un manufatto certamente non di pregio, nel senso economico del termine, ma dall’elevato valore affettivo, oggetto, nel corso di decenni, di preghiere e attenzioni di nonni e nonne ricoverati nella struttura.

 

 

Un gesto vandalico duramente condannato dal primo cittadino; un gesto francamente inspiegabile se non con la mancanza di “civiltà” e quindi di senso del rispetto, al di là del simbolo religioso, di una cosa pubblica, da parte di qualcuno che, in assenza di altro di meglio da fare per vivacizzare la serata, aveva pensato bene di entrare nel cortile della biblioteca, prelevare la statuetta e poi semplicemente scagliarla a terra e abbandonare i pezzi sulla pubblica via.

Un atto che aveva comprensibilmente sollevato lo sdegno di molti cameresi. I carabinieri si erano messi al lavoro e gli autori erano stati individuati. «I ragazzi – ha detto il sindaco Pacileo – hanno poi scritto una lettera di scuse a me e al parroco, don Massimo. Si sono resi conto che quella che sembrava una semplice bravata poteva lasciare un segno. E per due settimane hanno svolto lavori utili per il Comune».

Questa mattina con una semplice cerimonia, alla presenza di sindaco, parroco e vice comandante dei carabinieri, la Madonnina è stata ricollocata nella “sua” nicchia, completamente rimessa a nuovo, grazie a due cameresi, «Beppe e Michela Giuliani che con un gesto bellissimo si sono offerti spontaneamente e gratuitamente di restaurarla. Dimostrazione – ha detto il sindaco – della sensibilità e della solidarietà che sono insite nei cameresi». «Era giusto – ha commentato semplicemente Beppe Giuliani – rimetterla al suo posto».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati