Baroni: «Fare teatro è un dovere sociale, sono indignata ma non mi fermo»

Baroni: «Fare teatro è un dovere sociale, sono indignata ma non mi fermo». Il Dpcm in vigore da oggi, lunedì 26 ottobre, tra le numerose disposizioni, prevede anche la chiusura di cinema e teatri. Un altro vero e proprio lockdown per il settore. In città anche il Teatro Coccia viene fortemente colpito e la direttrice Corinne Baroni non risparmia pesanti critiche.

«Di solito preferisco non fare polemica e rimboccarmi le maniche, ma questa volta sono davvero indignata, ci hanno messi in ginocchio – commenta -. Non c’è corerenza: è stato dimostrato con i numeri che i teatri sono i luoghi più sicuri. Abbiamo investito tutto per la sicurezza anticovid, sulla biglietteria per predisporre i posti distanziati e ora ci chiudono? Le maschere hanno un contratto fino a dicembre e poi non potranno nemmeno chiedere la disoccupazione. Poi ci raccontano che il provvedimento è valido fino al 24 novembre, pensano forse di prenderci in giro e farci credere che dal 25 tornerà tutto alla normalità? Inoltre questa sera è in programma una riunione del consiglio di presidenza dell’associazione Teatri di Tradizione (di cui Baroni è membro, ndr) dove verrà confermato che i teatri di Bolzano, in quanto provincia autonoma, hanno deciso di aperti: allora è una questione politica o di salute?».

 

 

Nononstane l’ennesima difficoltà il Coccia, però, non si ferma: «Abbiamo spostato tutti gli spettacoli sul web con un’esclusiva con Opera Click che li trasmetterà in streaming con noi. Il modello del sipario virtuale è l’unico che possiamo permetterci di seguire mentre cerchiamo di capire come si comporterà il Mibact per i contributi del 2021 che ovviamente non potranno basarsi sugli stessi criteri degli anni scorsi».

A dicembre il Teatro è pronto per annunciare la stagione in programma in primavera: «È giusto mantenere la filiera, ormai preparati a proporla in presenza oppure on line a seconda delle disposizioni – conclude Baronin -. Sicurmente, però, questa volta non staremo zitti: faremo sentire la nostra voce da tutta Italia perchè il teatro non è importante solo per chi ci lavora, ma anche per la salvezza morale delle persone e diventa un dovere sociale».


Leggi anche

Vallino: «Un Paese si fonda sul livello culturale delle persone, forse ci vogliono ignoranti?»

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Cecilia Colli

Cecilia Colli

Novarese, giornalista professionista, ha lavorato per settimanali e tv. A La Voce di Novara ha il ruolo di caporedattore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni