Anziano truffato da falso “tecnico”

Se i furti in appartamento si sono praticamente azzerati nel periodo del lockdown, quel che non ha conosciuto sosta è stato il fenomeno delle truffe, riuscite o tentate, ai danni di anziani che, se possibile, ha addirittura registrato  un aumento. A decine infatti gli episodi denunciati in città e in provincia. Dalle telefonate del “solito nipote” che aveva avuto un incidente e aveva urgente bisogno di soldi per essere “tolto dai guai” a quelle del “parente” colpito dal Covid, ricoverato in ospedale e bisognoso di denaro per le cure.

 

 

Ma, accanto all’ultima “variante” della truffa che si è modellata sui tempi della pandemia, ricompaiono, una volta allentate le misure restrittive per gli spostamenti individuali, anche i raggiri, per così dire, “tradizionali” con la pletora di sedicenti addetti “incaricati di fare controlli”.

E sarebbe proprio a quest’ultima tranche, che, da quanto appreso, apparterrebbe l’ultimo episodio accaduto, e denunciato, nei giorni scorsi nel Novarese che ha visto vittima un ottantenne raggirato da un falso tecnico  per un bottino di più di mille euro.

La denuncia  stata sporta ai carabinieri. E dalle forze dell’ordine torna, rinnovato, l’appello, rivolto soprattutto alle fasce più fragili: massima attenzione e cautela e, in caso di dubbio, nessuna esitazione a contattare il 112.

 

 

 

 

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: