Accusato di ricettazione di quadri, novarese assolto in Appello

Era finito a processo con l’accusa di ricettazione per alcuni quadri, che risultavano essere nella sua disponibilità ma che erano risultati essere di provenienza furtiva; condannato a 2 anni in primo grado, l’uomo, novarese cinquantenne difeso dall’avvocato Antonella Abisso, è stato assolto dai giudici della Corte d’Appello di Torino per “non aver commesso il fatto”.

 

[the_ad id=”62649″]

 

La vicenda risale a parecchi anni fa; i quadri, oggetto della denuncia, che poi ha portato il novarese in un’aula di tribunale, erano risultati essere tra quelli che, nel 2006, erano stati oggetto di un furto perpetrato in città.

Il 26 ottobre del 2017  fu condannato alla pena di 2 anni (il difensore aveva chiesto l’assoluzione e, in subordine, la riqualificazione del reato da ricettazione in incauto acquisto); sentenza contro la quale il legale aveva presentato appello e nei giorni scorsi i giudici della prima sezione della Corte d’Appello di Torino lo hanno assolto per non aver commesso il fatto.

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Daniela Fornara

Daniela Fornara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SEGUICI SUI SOCIAL