A piedi lungo i binari, in aula per interruzione di pubblico servizio

Camminava barcollando lungo la banchina della stazione; qualche viaggiatore, intuita la pericolosità di quel comportamento e temendo il peggio, aveva allertato la polizia ferroviaria. Ma quando gli agenti sono usciti, di quella persona, in stazione, non c’era più alcuna traccia. Mancavano pochi minuti alle 19.30 del 3 febbraio di sei anni fa e l’uomo, scoprirono poco dopo, si era allontanato lungo i binari.

 

 

«Ordinammo la marcia a vista dei treni, in ingresso e in uscita dalla stazione – ha riferito davanti al giudice un agente all’epoca dei fatti in servizio alla Ferroviaria di Novara – Lo avvistammo nella zona del cavalcavia di corso Milano. Quando ci vide cercò di allontanarsi ma lo raggiungemmo subito; era evidente che aveva ecceduto con l’assunzione di alcool».

L’uomo, di nazionalità peruviana, regolare sul territorio, all’epoca 27enne, fu portato in ufficio e denunciato per interruzione di pubblico servizio perché i treni, per quell’allarme, avevano subito un ritardo di circa una decina di minuti.

Per l’accusa, nessun dubbio, quantomeno sul rallentamento del servizio, ed ha concluso con la richiesta di condanna a 2 mesi; per la difesa due i punti da chiarire: se avesse la volontà di interrompere un servizio e la durata dell’interruzione che, per configurare il reato, per la Cassazione, deve essere “apprezzabile”.

«Era ubriaco – ha sottolineato il difensore – e si trovato accidentalmente lungo i binari; e per quanto riguarda la durata, il servizio è stato interrotto per una manciata di minuti» ed ha concluso chiedendo l’assoluzione per non aver commesso il fatto o perché il fatto non costituisce reato.

Pochi minuti di camera di consiglio, quindi la sentenza: assolto per la particolare tenuità del fatto.

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *