Un nuovo respiratore per la terapia intensiva dell’ospedale Maggiore

«Nel momento di maggior incidenza dell’emergenza coronavirs abbiamo pensato che era nostro dovere contribuire a sostenere l’attività dell’ospedale di Novara. E così abbiamo pensato di donare all’ospedale un respiratore». Così Alberto Sibilia, contitolare della ‘Sibilia srl’ di Castelletto, racconta come si è sviluppato il suo intervento a favore dell’ospedale novarese.

«Ne ho parlato il dottor Franco Brustia, amico da sempre e valente chirurgo, e poi con mia mamma Fiorella, mia moglie Chiara e le mie sorelle Paola e Angela e tutti insieme abbiamo pensato a una donazione che potesse ricordare la memoria di mio padre Angelo, scomparso prematuramente anni fa» continua Sibilia.

 

 

Così hanno contattato l’unica ditta italiana produttrice di respiratori per la terapia intensiva e hanno acquistato l’apparecchio: «Purtroppo ci è stato spiegato che la precedenza sarebbe stata data alla Protezione civile – aggiunge – e così abbiamo dovuto aspettare a lungo. Ora l’apparecchio è arrivato e siamo davvero orgogliosi di averlo potuto donare all’ospedale di Novara: è uno strumento, infatti, che sarà molto utile anche quando sarà finita l’emergenza».

«Alla famiglia va il nostro sentito ringraziamento – afferma il direttore generale dell’ospedale, Mario Minola – L’apparecchio sarà fondamentale per gestire le patologie di elevata complessità di cui si occupa l’azienda ospedaliero universitaria di Novara e poter essere utile in caso di ripresa dell’emergenza epidemica».

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni