Scuola, slitta la Conferenza Stato-Regioni: «Nessuna indicazione a 2 mesi dalla ripresa»

Il Piano del Ministero era atteso per oggi, ma è stato rinviato. Crivelli: «Condivido le preoccupazioni avanzate dai dirigenti scolastici del nostro territorio»

Scuola, slitta la Conferenza Stato-Regioni: «Nessuna indicazione a 2 mesi dalla ripresa». Lo fa notare il consigliere provinciale con delega all’Istruzione Andrea Crivelli, che riferisce di avere raccolto le «preoccupazioni che, in questi giorni, sono state avanzate dai Dirigenti scolastici delle Scuole secondarie di secondo grado del nostro territorio».

Era infatti prevista per oggi, 29 luglio, la presentazione del Piano scuola in Conferenza Stato-Regioni per il rientro in classe, che in Piemonte è previsto per il prossimo 10 settembre. Tuttavia il Piano non è stato inserito nell’ordine del giorno della seduta. La segreteria del Ministro Patrizio Bianchi fa sapere che la presentazione è slittata alla prossima settimana.

Il Piano dovrebbe contenere le misure del protocollo di sicurezza per il rientro in classe e le decisioni in tema di green pass e di obbligo vaccinale.

«Purtroppo – commenta il consigliere Crivelli – allo stato attuale mancano sia alle scuole, sia anche il nostro Ente una serie di indicazioni che possano consentire una serena programmazione delle attività sul piano didattico, ma anche per quanto attiene la programmazione e l’organizzazione di eventuali interventi che si potrebbero rendere necessari. A meno di due mesi dalla ripresa delle lezioni – rileva a conclusione il consigliere – ci troviamo in assenza di precise istruzioni su vaccini e ammissioni in classe, trasporti, eventuale ricorso alla didattica a distanza e gestione degli orari che possano effettivamente garantire la salute dei ragazzi e del personale docente e non docente».

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *