Rossi e Valle (Pd): «Cirio non centra l’obiettivo di 20.000 vaccini al giorno»

«Cirio non centra l’obiettivo di 20.000 vaccini al giorno». Il Vicepresidente della Commissione Sanità della Regione Domenico Rossi e il coordinatore del Gruppo di lavoro Covid Daniele Valle attaccano il governatore del Piemonte, che più volte aveva annunciato la volontà di raggiungere tale quota di somministrazioni giornaliere entro la fine di marzo. Lo fanno con numeri alla mano.

Secondo quanto riferiscono Rossi e Valle il 31 marzo «sono state somministrate 18.107 dosi, di queste 8.639 sono seconde dosi. Nei primi quindici giorni di marzo siamo stati sempre sotto le 10.000 al giorno. Poi la capacità è aumentata fino ad arrivare, solo negli ultimi giorni a cifre più alte, senza mai raggiungere 20.000. È dunque definitivamente sfuggito l’obiettivo, rilanciato a mezzo stampa per un mese e mezzo, delle 20.000 dose inoculate al giorno e ribadito di fronte al generale Figliuolo» nell’incontro romano del 31 marzo.

«Secondo i dati del ministero, il Piemonte ha somministrato il 90,2 % delle dosi ricevute, collocandosi quattordicesimo in Italia. Poco sotto la media italiana del 90,7% – proseguono i due consiglieri democratici, citando i dati aggiornati al 31 marzo – Ma il dato delle dosi ricevute viene caricato con ritardo, per tutte le regioni, e quindi in realtà siamo più indietro. I dati nazionali non riportano infatti dosi ricevute già due giorni fa dalla nostra regione e di cui il bollettino regionale già il 30 marzo dava fedelmente conto: 85.410 dosi ricevute in più di Pfizer e distribuite alle aziende. Il che porta il Piemonte ad aver somministrato solamente l’82,3% delle dosi ricevute. Abbiamo somministrato 103.901 dosi di Astrazeneca su 191.400 (54%). Abbiamo somministrato 36.177 dosi di Moderna su 63.400 (57%). E qui accantoniamo la giustificazione delle seconde dosi: sono state somministrate 26.640 prime dosi e 8.537 seconde dosi. Dobbiamo somministrare 18.103 seconde dosi, ma abbiamo in magazzino 27.223 dosi. Abbiamo somministrato 669.185 Pfizer su 727.480 ricevute (91%) – e commentano – Man mano che la disponibilità si è ampliata, il Piemonte è scivolato indietro in classifica».

Rallentamento dovuto a «false partenze, il più delle volte dettate dall’ansia da annuncio di questa giunta: si vedano i disservizi causati dalla mancata partenza lunedì delle vaccinazioni negli studi dei medici di base o dal mancato coinvolgimento dei medici di base nei centri vaccinali che pure avevano dato disponibilità». Non solo, i due consiglieri d’opposizione guardano avanti: «Aprile sarà il mese della “prova del 9”. Da un lato si allarga la platea agli ultra 60enni e dall’altra arriveranno anche le fiale del vaccino Johnson & Johnson. Riusciremo a raggiungere le 30.000 dosi al giorno annunciate? Crediamo di no, purtroppo, ma ci auguriamo di essere smentiti».

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *