Riapre la biblioteca Negroni, ma si controllano le distanze e i numeri

Un po’ sotto traccia, ieri mattina, martedì 3 febbraio, ha riaperto anche la biblioteca Negroni. Un via libera “contenitivo”, in ottemperanza a quanto disposto dal decreto del presidente del Consiglio emanato nella giornata di domenica a fronte del protrarsi dell’emergenza legata al “coronavirus”.

«Poiché una struttura come la nostra è stata assimilata a un museo – hanno spiegato gli addetti della biblioteca – abbiamo avuto l’ok e potuto riaprire, seppure con alcune limitazioni». Fino a nuove disposizioni, per accedere alla biblioteca si deve, infatti, passare dal portone del civico 6 di corso Cavallotti, dove il personale consegna agli utenti un tagliando numerato, gestendo contemporaneamente la rotazione di ingressi – uscite per cercare di soddisfare un po’ tutti. Nei vari spazi, poi, vige in via precauzionale la raccomandazione di rispettare un metro di distanza tra una persona e l’altra. Ecco il perché nei saloni di studio le scrivanie possono essere occupate seguendo una prestabilita alternanza, con il divieto di spostare le sedie. Nella sala del primo piano l’affluenza massima è stata fissata in 20 utenti, il quella del secondo a 29, nella mediateca potranno accedere fino a 11 utenti contemporaneamente e in quella periodici – novarese 10, mentre la sezione ragazzi rimarrà chiusa fino a sabato.

L’afflusso alla Negroni è, comunque, sembrato tranquillo, addirittura decisamente inferiore al normale quando, invece, si assiste a vere imprese per accaparrarsi un posto, soprattutto nel salone: «Con l’Università ancora chiusa – hanno detto ancora – evidentemente in tanti non si aspettavano la riapertura, o forse per timore, qualcuno ha preferito continuare a studiare a casa. L’importante, per ora, era poter ricominciare».

 

 

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: