Regione Piemonte: due bandi per la promozione dei prodotti agricoli di qualità

Il primo bando ha una dotazione di 260 mila euro, il secondo oltre 6.5 milioni di euro

Con le determinazioni del 27 aprile 2022, la regione Piemonte ha aperto due bandi PSR dell’Operazione 3.2.1, azioni A e B, per la promozione dei prodotti agricoli e alimentari di qualità.

Il bando A, con una dotazione finanziaria di 260 mila euro, finanzia azioni di promozione e informazione realizzate in occasione di importanti eventi fieristici internazionali da associazioni produttori i cui soci siano stati certificati aderendo ai bandi dell’Op. 3.1.1 – Partecipazione a regimi di qualità. Le manifestazioni ammesse al finanziamento sono limitate al Cibus di Parma, al Salone del gusto di Torino e all’ATP Final Tennis di Torino. Il contributo è pari al 70% delle spese sostenute per le azioni di promozione e informazione, mentre scende al 50% per i costi relativi agli interventi pubblicitari. Le attività devono essere concluse entro il 31 dicembre di quest’anno.

Il bando B ha una disponibilità finanziaria di oltre 6.5 milioni di euro e sostiene interventi di informazione e promozione dei prodotti agricoli e alimentari di qualità svolte all’interno dell’Unione europea. I prodotti ammessi sono gli stessi del bando A. Le azioni devono essere completate entro il 30 giugno 2023. Le percentuali di contributo sono analoghe a quelle bel bando A, ma con importi diversificati a seconda della rappresentatività dei soggetti proponenti e del numero dei regimi di qualità da valorizzare. Quindi si va da un minimo di 30 mila euro a un massimo di 250 mila euro.

Per entrambi i bandi è necessario presentare una domanda di preiscrizione entro il 20 maggio 2022 e una di sostegno entro il 20 giugno 2022. Le istanze di anticipo e di saldo hanno invece scadenze differenziate a seconda del tipo di bando.

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SEGUICI SUI SOCIAL