Oleggio, 25 Novembre: quest’anno le sedie rosse occupano “il posto” nei negozi

«Le sedie stanno là dove le donne vittime dovrebbero stare: in mezzo a noi, a tutti». E’ questa la spiegazione che l’associazione politica e culturale Oleggio Grande dà alle sedie rosse del “posto occupato”, quest’anno posizionate in alcuni negozi di Oleggio e paesi vicini.

Sedie sparse nei negozi che «il 25 Novembre raduneremo tutte quante davanti a un supermercato che ha aderito con slancio all’iniziativa, – spiegano dall’associazione – su ogni sedia ci sono cartelli che parlano di temi legati al femminicidio e alla violenza. Avevamo previsto cinque postazioni, sono diventate a oggi 17: l’attenzione c’è ed è alta.La prima sedia, “fissa” in una panetteria, è dedicata a Simona Melchionda, uccisa 10 anni fa: perché non tutti conoscono la sua storia, che invece ci è terribilmente vicina».

Nel 2018 l’associazione aveva realizzato una mostra, #DisParità Di Genere, visibile in piazza e in alcune scuole dei dintorni, nel 2019 c’era stata collaborazione con l’amministrazione con le sedie rosse a popolare i portici in ricordo delle molte donne morte durante l’anno.

«Il 25 novembre è una data importante e non la si può lasciare indietro, non si può scordare che anche quest’anno molte donne sono morte per mano di uomini a loro “vicini”, che molte donne subiscono violenze, che molte donne ogni giorno vivono nella paura. Occuparsi di temi sociali significa divulgarli il più possibile: la sensibilizzazione passa attraverso la visibilità pubblica».

 

 

 

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Elena Mittino

Elena Mittino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni