Novarese, mancano i medici di famiglia, D’Andrea: «Serve una normativa d’urgenza temporanea»

Il problema riguarda anche i reparti degli ospedali, si tratta di una carenza generale

Mancano i medici di famiglia e alcuni comuni del novarese stanno vivendo un forte disagio. A Vicolungo il dottore è andato in pensione, così a Marano e Mezzomerico dove si era trovato un sostituto che però ha dato dimissioni improvvise: i sindaci si sono rivolti a Asl, prefetto e Regione. Ma la carenza dei medici è un dato di fatto. «E’ un grave problema che c’è da tempo, – spiega il presidente dell’ordine provinciale dei medici chirurghi e degli odontoiatri di Novara Federico D’Andrea – molti medici stanno andando in pensione e questo lo si sapeva, ma non c’è una soluzione». Il presidente dell’ordine spiega che il problema «sono i pochi posti di specialità e nella medicina generale, ora un po’ sono aumentati, ma non in numero sufficiente. E inoltre si sono ridotti gli investimenti e le borse di studio».

Secondo D’Andrea la soluzione potrebbe essere: «una normativa d’urgenza temporanea per poter tamponare questo problema che non è sicuramente a breve termine: gli studenti che entrano ora nelle specialità non sono formati in poco tempo. E molti reparti degli ospedali sono in crisi».

Per i Comuni si attendono le nuove graduatorie dalla regione che sono previste per settembre. Ancora due mesi di attesa? «La situazione potrebbe sbloccarsi prima, qualora si affidasse l’incarico in modo temporaneo a chi ancora non ha il titolo».

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Elena Mittino

Elena Mittino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni