Fondazione Comunità Novarese regala 32 tablet per la didattica a distanza

Si chiama “Arte Bianca in Emergenza Coronavirus” il progetto che la Fondazione Comunità Novarese onlus ha scelto di sostenere donando, grazie alle risorse del Fondo Emergenza Coronavirus, 32 tablet agli studenti in situazione di disagio e difficoltà economiche seguiti dall’agenzia VCO Formazione per la sede di Novara. Dove l’Arte Bianca è, come noto, quella della panificazione e dell’impasto nell’ambito della panetteria, della pasticceria e della pizzeria.

I dispositivi elettronici saranno utilizzati per sostenere la didattica a distanza nell’ambito dei progetti #Iostudioacasa e #Iosfornoacasa di quegli allievi che si trovano in situazioni di disagio e difficoltà economiche e che, quindi, in caso contrario, sarebbero impossibilitati a seguire le lezioni. In questo modo gli insegnanti potranno collegarsi con tutti gli studenti spiegando, distribuendo compiti e realizzando esercitazioni e ricette. Nello specifico, per il progetto #iosfornoacasa, per la riproduzione di dolci e prodotti salati.

 

 

«Grazie a questi dispositivi – commenta il direttore generale di VCO Formazione Marcello Avolio – anche gli allievi in difficoltà che abbiamo identificato mappandone le singole esigenze e controllando dotazione hardware e collegamento, potranno seguire le lezioni. La didattica online è un’ottima soluzione in questi tempi di pandemia ma, purtroppo, le dotazioni tecniche di ogni famiglia, non sono uguali. L’intervento di Fondazione Comunità Novarese onlus è stato provvidenziale per poter soddisfare questa necessità».

L’emergenza Coronavirus ha fermato completamente l’attività didattica “classica”, quella in aula e in laboratorio, e per questo sono stati attivati nuovi piani di formazione tramite internet, webinar e la piattaforma Google Classroom, che richiedono però una adeguata dotazione elettronica.

«E’ importante – commenta il Segretario Generale della Fondazione Comunità Novarese onlus Gianluca Vacchini – non lasciare indietro nessuno. In un momento già così complesso è fondamentale che tutti gli studenti possano seguire le lezioni, ancor più quando si tratta di dimostrazioni pratiche che, difficilmente a voce, si potrebbero raccontare con la stessa efficacia».

 

 

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni