Upo, impulso alla ricerca per superare l’emergenza

Apertura anno accademico

Dodici “linee guida” per 46 progetti nell’ambito della ricerca per la lotta al Covid 19 in tutte le sue numerose e complesse sfaccettature: è quanto l’università del Piemonte Orientale, con tutti i suoi dipartimenti in tutte le sue sedi, intende promuovere nei prossimi mesi per affrontare a 360 gradi il problema dell’emergenza coronavirus. Dall’ambito specificatamente sanitario a quello economico, dalla politica alla filosofia passando per l’etica, la cultura, il welfare e l’istruzione: dopo la prima fase, in cui è stato rafforzato l’aspetto assistenziale a beneficio dei cittadini contagiati dal virus, occorre immaginare al più presto una nuova fase di impulso alla ricerca, che porti a soluzioni adeguate per la ripartenza di tutti i paradigmi messi sotto stress da Covid 19.

 

 

«Siamo di fronte ad un evento eccezionale – ha esordito il Rettore, professor Gian Carlo Avanzi – Sono convinto sia necessario fare tutto il possibile per comprendere e studiare il virus e le sue conseguenze, e quello che potremmo fare nei prossimi».

Tre le parole “chiave”: ricerca, collaborazione e finanziamenti.

«Occorrono fondi – ha aggiunto Avanzi – Pensiamo che uno sforzo della ricerca scientifica così importante come quello che abbiamo di fronte abbia bisogno di un impulso economico forte e condiviso, da parte delle maggiori istituzioni pubbliche e private del territorio. Penso alla Regione Piemonte, alle fondazioni del territorio, alle associazioni di categoria e alle imprese, ma anche dei cittadini».

«Questa – ha aggiunto – è un’occasione fondamentale per rilanciare, attraverso la scienza, l’economia della regione; senza ricerca non andremo da nessuna parte».

Quindi l’appello al sostegno economico alla ricerca. «Quello che l’Upo vuole fare – ha concluso – è spingersi nella direzione della ricerca per capire tutte le sfaccettature di questo problema. Adesso che stiamo per uscire dal tunnel dobbiamo rilanciare la ricerca. Questo è il momento per farlo, riteniamo di avere le competenze. Chiediamo a tutti i finanziatori di seguirci in questi progetti».

Dodici, come dicevamo, le direttrici primarie già individuate da docenti e ricercatori, lungo le quali muoversi per avviare la ricerca; direttrici che sono state illustrate dal professor Emanuele Albano, delegato appunto alla ricerca, che spaziano dall’ambito sanitario (l’analisi dei meccanismi patogenetici responsabili dell’insorgenza del Covid 19, diagnostica in vitro e in vivo; studi di popolazione e la creazione di biobanche, come quella già attivata a Novara, alla quale, già esistente da un anno e mezzo, è stato dato un forte impulso quando è comparsa la pandemia, che prevede la raccolta di campioni biologici di persone affette da Covid, realizzata con la collaborazione dei tre ospedali, Novara, Vercelli e Alessandria) e infine il trattamento e la gestione del paziente critico, quindi  nuovi approcci diagnostici e classificazione dei pazienti Covid 19 ed evoluzione della malattia in pazienti con altre patologie).

Nel settore farmacologico la ricerca si concentrerà soprattutto sull’identificazione di nuovi farmaci e nuove strategie terapeutiche.

E poi ancora rischi e vettori di contagio, tracciamenti con App, dispositivi di protezione, effetti nella società e nell’economia, gli effetti nella politica e nelle istituzioni, la comunicazione della crisi pandemica e le questioni etiche.

Insomma uno sforzo complessivo, quello dell’Opencampus Upo, che ha «l’obiettivo di trasformare l’attuale crisi pandemica in un’opportunità di sviluppo di nuove teorie e tecnologie di immediato utilizzo a favore della comunità».

 

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Daniela Fornara

Daniela Fornara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni