Le risaie non ci sono più

Dalla rubrica Allappante a cura di Riccardo Milan

Altra storia sentita, più surreale che tragica però. Ma sempre attuale. L’anziana ma arzilla mamma di una mia cara amica, ottanta e più anni, l’ha duramente apostrofata perché l’avrebbe contraddetta. E fin qui nulla di strano. Strano era però l’argomento oggetto di discussione: la scomparsa delle risaie.

Secondo la Signora le risaie italiane non ci sono più o comunque sono ridotte ai minimi termini. Abbandonate sostituite da capannoni industriali. E il riso che si mangia? Tutto ucraino, avvelenato dalle radiazioni di Chernobyl. Fonte della notizia? La televisione, ovviamente. Strumento da lei usato moltissimo, ad ogni ora del giorno e della notte. 

E il diverbio? Nasce dal fatto che la mia amica avrebbe detto che le risaie ci sono ancora, ben visibili anche dalle strade principali. Che lei le ha viste. A queste affermazioni, la Signora avrebbe ribattuto sgridando la figlia che, sembra di capire, o mentiva o non sapeva. Che tacesse dunque!

Nulla da fare, la televisione vince sulla realtà. Così come la Rete, d’altra parte.

Allappante

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2024 La Voce di Novara - Riproduzione Riservata
Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Riccardo Milan

Riccardo Milan

Riccardo Milan è professore, giornalista e blogger. Lavora alla scuola alberghiera di Stresa ed è pubblicista dal 1999. Da meno, è blogger con Allappante.it. Si è occupato per anni di cultura materiale, studente, scrittore e docente: vino, birra, gastronomia, cucina per lo più tipica, storia delle tradizioni. Sommelier ed idrosommelier per diletto. Vive sul Lago d’Orta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Sezioni

Le risaie non ci sono più