La Valle Perduta (o ritrovata?)

Non immaginavo di abitare così vicino ad un luogo sacro, un ampio luogo sacro. Lo intuivo, però, perché mi piace camminare nei boschi d’autunno, mi piace il rumore delle foglie secche, dei rami che si spezzano, il fiato che condensa un po’, il verde umido del muschio, i funghi (che mangio poco e poco apprezzo), le castagne… un anno, anni fa, era estate però, mi sono arrampicato sulle soglie di quell’area così, infatti lo è, magica; solo, sudato, sono arrivato in cima alla cima che mi ero prefissato, incontrando pochi e solitari viandanti; l’orizzonte interno era dominato dal verde e da sentieri che solo intuivo e l’esterno marroncino/verde/grigio era reso fosco dalle polveri sottili. Il sangue era tutto nelle gambe e il cervello, vuoto, vagava. Momenti belli, 

Il film documentario di ieri sera (A Riveder le Stelle” di Emanuele Caruso) mi ha in parte raccontato una storia simile e mi ha spinto ancor più nelle mie convinzioni di leggerezza, riuso, attenzione, empatia. No non ve lo racconto: andate a vederlo. Mollate lo smartphone per una sera ed uscite. Immaginate di essere a piedi nudi sull’erba. 

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Riccardo Milan

Riccardo Milan

Riccardo Milan è professore, giornalista e blogger. Lavora alla scuola alberghiera di Stresa ed è pubblicista dal 1999. Da meno, è blogger con Allappante.it. Si è occupato per anni di cultura materiale, studente, scrittore e docente: vino, birra, gastronomia, cucina per lo più tipica, storia delle tradizioni. Sommelier ed idrosommelier per diletto. Vive sul Lago d’Orta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SEGUICI SUI SOCIAL