Per anni (e si che di libri ne ho letti, di articoli, fatti discorsi, chiacchiere…), per anni ho pensato che i tartufi fossero due: uno bianco, più profumato e pregiato; ed uno nero, meno pregiato. Invece non è vero: o forse è vero per alcune zone del mondo, non so.  Passi da Acqualagna, per caso (siamo nelle Marche) e ti fermi nel locale museo dedicato al tartufo e lì scopri che, in quella zona, i tartufi sono nove (9: avete capito bene). E si producono tutto l’anno, dando vita ad una intelligente filiera agroalimentare tutta da provare.

Ma quali sono i tartufi? Il tartufo bianco dal 1° ottobre alla fine dell’anno; il tartufo nero pregiato, dal 15 novembre al 15 marzo; il tartufo nero estivo o scorzone, dal 1° maggio al 30 novembre; il tartufo nero estivo o scorzone varietà uncinatum, dal 1° ottobre al 31 dicembre; il tartufo bianchetto o marzuolo, dal 15 gennaio al 30 aprile; il tartufo nero dell’inverno, dal 1 gennaio al 15 marzo; il tartufo nero moscato dal 15 novembre al 15 marzo; il tartufo nero liscio, dal 1° settembre al 31 dicembre; ed infine il tartufo nero ordinario, dal 15 settembre al 31 dicembre.

Nove tipologie e nove famiglie di profumi, gusti e consistenze, e nove per “X “ modi di utilizzo in cucina… davvero troppo, per me per ora. Comunque un mondo che non conoscevo.

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Riccardo Milan

Riccardo Milan

Riccardo Milan è professore, giornalista e blogger. Lavora alla scuola alberghiera di Stresa ed è pubblicista dal 1999. Da meno, è blogger con Allappante.it. Si è occupato per anni di cultura materiale, studente, scrittore e docente: vino, birra, gastronomia, cucina per lo più tipica, storia delle tradizioni. Sommelier ed idrosommelier per diletto. Vive sul Lago d’Orta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SEGUICI SUI SOCIAL