Volley serie A, Caserta si spaventa del coronavirus e dice no alla partita contro la Igor

Colpo di scena, Igor – Caserta non si gioca! L’ennesimo capitolo di questo “tormentone” si è avuto nella serata di oggi quadi la Lega Volley ha diffuso una lettera, sottoscritta dalle giocatrici campane, nella quale le stesse manifestavano la volontà di non affrontare la duplice trasferta al Nord (dopo quella all’ombra della Cupola prevista per domani sera anche quella in programma domenica a Bergamo). La motivazione? La spiegano le atlete nella loro missiva, dichiarando di non essere disposte, insieme allo staff medico e dirigenziale «a rischiare partenze in aereo e contatti in zone ad alto rischio (contagio da coronavirus, ndr) come Novara e Bergamo».

La compagine, oggi ridotta ai minimi “sindacali” (sole cinque tesserate), non potrà neppure attingere dalle proprie giovanili, avendo avuto queste tesserate il divieto da parte dei genitori a sostenere questi impegni.

La decisione è stata appoggiata in toto dal club, che nell’occasione ha voluto precisare che non si tratta di una scelta di natura economica, dichiarando che erano già stati assolti tutti gli obblighi, inclusi quelli con le strutture alberghiere di Novara e Bergamo.

Nella giornata di domani è prevista una riunione straordinaria del Cda della Lega Volley, dove verrà messa la parola fine all’intera vicenda. La società di Caserta chiede di poter giocare le due partite in altre date, ma quasi certamente quello che otterrà saranno due sconfitte a tavolino per 0-3, con la conseguente sua esclusione dal campionato. Sportivamente parlando si tratta di un triste, ma quasi scontato epilogo per una società da mesi in difficoltà, che ha caratterizzato in maniera negativa l’intera stagione del massimo campionato di pallavolo femminile.

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *