Sport e sociale per la riqualificazione dell’area di via Poerio

L’area di via Poerio, nella quartiere della Bicocca, troverà la sua destinazione grazie alla società Basket College Novara La Lucciola che si è aggiudicata (in verità come unica partecipante al bando dopo che uno precedente era andato deserto) la gestione e la manutenzione del quadrilatero compreso tra corso XXIII Marzo, il pozzo dell’acquedotto, le vie Sacco e Vanzetti e, appunto, Poerio.

«Si tratta di una zona che in passato è stata oggetto di atti di vandalismo in quanto abbandonata e che necessitava di essere rivitalizzata nel suo complesso – ha spiegato l’assessore allo Sport Marina Chiarelli – Il percorso per far sì che l’area andasse a bando non è stato semplice, anche perché richiedeva degli interventi urgenti. Si trattava di un impegno che ci eravamo presi e oggi possiamo dire che la scommessa è stata vinta».

Il progetto, contenuto nel disciplinare di aggiudicazione, prevede la realizzazione di due campi di basket polivalenti in sostituzione di uno precedente di calcetto, attività di preparazione alla stessa pallacanestro in uno spazio di erba sintetica; poi sarà ripristinato il campo di beach volley e saranno eseguiti altri interventi che dovranno rispettare alcuni vincoli ambientali attraverso l’implementazione dei giardini pubblici. Per un impegno, «rivolto al sociale oltre che allo sport, proprio in un momento in cui l’attività deve ripartire all’aperto, quindi con vincoli minori. Un punto di partenza verso il ritorno alla normalità».

 

 

 

«Come società siamo nati nel lontano 1972 come “Lucciola Basket” – ha spiegato il presidente Andrea Delconte – L’anno scorso abbiamo assunto l’attuale denominazione per identificarci meglio con la nostra città e per sviluppare un progetto tecnico e possa migliorare l’intero movimento cestistico. Siamo felici perché avremo una “casa” per il basket, eliminando il degrado da quest’area per far sì che bambini e ragazzi possano utilizzarla in modo più sicuro».

Una società che, oltre a una prima squadra femminile, è impegnata prevalentemente nel settore giovanile con oltre duecento tesserati e una ventina fra allenatori, istruttori e dirigenti. Un grazie, per Delconte, «va rivolto a tanti genitori che hanno contribuito a costruire questa idea. Un’area prevalentemente dedicata al basket, ma che non vuole escludere assolutamente altre discipline, così come siamo aperti a qualsiasi forma di collaborazione con enti, parrocchie. Per noi è importante che i ragazzi pratichino sport. Per noi è un momento storico». Un sogno nel cassetto? «Quello un giorno di avere un tetto dove poter svolgere l’attività nei mesi invernali e crescere ancora di più come movimento».

«Uno sport nato sulla strada – ha aggiunto il dirigente Gianluca Pozzato – Ripartire da un concetto di sport all’aperto potendo sfruttare quest’area anche per organizzare eventi che possano essere di richiamo». I primi lavori inizieranno la prossima settimana, dopo una simbolica consegna delle “chiavi”, «per rendere fruibile il parco il prima possibile, poi si procederà con l’installazione del primo campo , con l’idea di riuscire a ripristinare anche un servizio ristoro». Ci sarà tanto da lavorare, ma per ora si può dire che lo sport e la città si sono ripresi legittimamente un loro spazio.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Luca Mattioli

Luca Mattioli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni