Da Helsinki a Novara nel segno del volley

Indimenticata pallavolista dell’Agil e dell’Asystel prima, della Igor dopo (in quella che fu la prima stagione in assoluto per l’attuale società novarese, culminata con il successo nel campionato di A2 e la conquista della promozione nella massima serie) Virginie De Carne la sua “quarantena” dalla Finlandia.

Belga della regione delle Fiandre (è nata a Roeselare nel 1977), De Carne da alcuni anni vive alle porte di Helsinki, la capitale, dove svolge il ruolo di istruttrice e allenatrice di volley. Un’attività che, come tanti del settore, ha dovuto interrompere in queste settimane per il blocco deciso dal governo locale. Al di là di questa situazione continua a mantenere i contatti e le amicizie strette all’ombra della Cupola, tanto di augurarsi di poter al più presto incontrare i tanti amici novaresi.

«Anche qui è tutto fermo – racconta -. L’attività sportiva è bloccata, ci si può allenare da casa attraverso la visione di alcuni video, ma non è la stessa cosa». Ma come la stanno vivendo questa situazione gli abitanti? «Bisogna prima di tutto dire che la Finlandia, seppure poco più grande dell’Italia, ha solo 5 milioni e mezzo di abitanti. Pochi sono i centri abitati e immense le foreste. La gente è sotto certi aspetti già abituata a socializzare poco, ma soprattutto è molto disciplinata. Quasi non c’è bisogno che il governo imponga delle regole: basta un indirizzo, un suggerimento e tutti si adeguano».

Per il resto la situazione è simile a quella italiana: «Le grandi attività sono state fermate e sono stati predisposti dei sussidi per i disoccupati. I locali sono stati chiusi e si cerca di acquistare i beni di prima necessità il meno possibile, rispettando le regole».

Una filosofia tutta nordica che non sembra essere stata scalfita neppure in una circostanza come questa: «Un po’ di preoccupazione c’è, anche se i numeri non sono quelli di Italia e Spagna. La speranza è che vada tutto bene, perché la voglia di tornare alla normalità è tanta, così come quella di poter viaggiare e rivedere tanti amici, inclusi i novaresi».

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Luca Mattioli

Luca Mattioli

2 risposte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni