“ChimicAmica” scienza e approfondimenti per gli alunni di otto scuole primarie

550 alunni coinvolti da 30 ricercatori, da febbraio a maggio: sono i numeri del progetto “ChimicAmica”

Ventotto incontri con altrettante classi quarte e quinte di otto scuole primarie di Novara, 550 alunni coinvolti da 30 ricercatori, da febbraio a maggio: sono i numeri del progetto “ChimicAmica” tornato nel 2022 dopo la pausa forzata dalla pandemia.

L’iniziativa è organizzata da Fondazione Novara Sviluppo insieme al Dipartimento di Scienze del Farmaco dell’Università del Piemonte Orientale e al Consorzio IBIS. Sono stati proprio i ricercatori di UPO e IBIS a condurre i laboratori attraverso i quali i bambini hanno toccato con mano fenomeni chimici e biologici già affrontati nel loro percorso di studio. Dopo una spiegazione teorica, svolta in maniera il più possibile interattiva, gli studenti hanno assistito a dimostrazioni e svolto in prima persona attività pratiche anche sotto forma di gioco. Questa modalità ad alto tasso di coinvolgimento ha ricevuto feedback molto positivi sia da parte dei piccoli scienziati sia da parte degli insegnanti. Le scuole che hanno partecipato sono: Don Ponzetto, Buscaglia, Rigutini, Convitto, Coppino, Fratelli Di Dio, Immacolata, Don Milani. I laboratori del progetto ChimicAmica, avviato nel 2018, si svolgono presso la Sala Pagani del Parco Scientifico e Tecnologico e si suddividono in tre percorsi diversi. Con “Divertiamoci in tutti i sensi” gli alunni sono coinvolti in una serie di attività che riguardano tatto, olfatto, vista e udito. “Potere ai colori” punta a far comprendere in quali modi e quali cause possono indurre variazioni di colore. Infine con “Sveliamo il DNA”, dedicato alle classi quinte, i bambini possono tra l’altro cimentarsi personalmente nell’estrazione del Dna dalla banana.

Dopo la conclusione di “ChimicAmica” le iniziative di Fondazione Novara Sviluppo continuano con una nuova edizione del ciclo di incontri di divulgazione scientifica “Per Sapere…” che si svolgeranno nella Sala Pagani della Fondazione Novara Sviluppo, in via Bovio 6 a Novara, dal 9 giugno al 7 luglio alle ore 18. Le conferenze “Per Sapere…” sono nate nel 2016 con l’obiettivo di approfondire i temi dell’innovazione scientifica e tecnologica che hanno importanti risvolti anche nella vita quotidiana. In un’epoca dove purtroppo dilagano le fake news si vuole offrire l’opportunità di informarsi su diversi argomenti che spaziano dalla farmacia alla chimica, dall’informatica all’intelligenza artificiale grazie a incontri con ricercatori e professionisti. Dopo l’esposizione dell’argomento viene dato ampio spazio al confronto e al dialogo con i relatori.

Questo il programma delle conferenze “Per sapere… 2022”

Giovedì 9 giugno

Protagonista la dott.ssa Federica Balestrero, dottoranda del Dipartimento di Scienze del Farmaco dell’Università del Piemonte Orientale e vincitrice nel 2021 di una borsa di ricerca della Fondazione Novara Sviluppo, che terrà una conferenza su una proteina bersaglio per curare le malattie intestinali.

Giovedì 16 giugno

Silvia Garavaglia e Marta Alberti, professoressa e dottoranda del DSF UPO, parleranno di una ricerca per curare il glioblastoma (tumore maligno che si localizza nel cervello o nel midollo spinale) e dell’importanza della tecnica della cristallografia nell’indagine.

Giovedì 30 giugno

“Naturale e sintetico: due facce della stessa medaglia” con Federica Pollastro, ricercatrice del laboratorio di Fitochimica del DSF UPO.

Giovedì 7 luglio

Chiuderà la rassegna Giulia Pinton, ricercatrice UPO, con un intervento su “Amianto e rischi per la salute”.

La partecipazione è libera e gratuita. Si potranno seguire gli incontri sia in presenza sia online (successivamente verranno indicate le modalità di accesso alla piattaforma digitale). Per informazioni e segnalare la propria partecipazione si può scrivere a info@novarasviluppo.it o telefonare al numero 0321 697174.

La divulgazione della cultura scientifica con particolare attenzione alla ricerca è uno dei principali obiettivi di Fondazione Novara Sviluppo, costituita nel 2001 dalla Provincia di Novara. La Fondazione si occupa inoltre di valorizzare e accrescere il proprio Parco Scientifico e Tecnologico (al cui interno sono insediati 15 tra imprese, università ed enti), sviluppare il territorio negli ambiti della ricerca e dell’innovazione, creare reti con nuovi partner.

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SEGUICI SUI SOCIAL