Addetti alle pulizie della sanità in sciopero contro il nuovo appalto

Addetti alle pulizie della sanità in sciopero lunedì 26 contro il nuovo appalto. L’iniziativa è stata indetta dal sindacato di base Usb e da Fisascat Cisl. «Uno sciopero che abbiamo organizzato non senza sofferenza – commenta il segretario Usb Felice Lanni – perché siamo consci del momento che stiamo attraversando e di quanto pulizie e sanificazioni siano importanti negli spazi della sanità pubblica. E in effetti i lavoratori sono già stati precettati. Ma la nostra speranza è quella di far aprire un dibattito su queste forme di appalti, che di fatto penalizzano la manodopera e ne sono la parte fondamentale».

«Ricordiamo inoltre che questi lavoratori e lavoratrici hanno un contratto scaduto da ormai 7 anni e che guadagnano 7 euro lorde all’ora – aggiunge Mattia Rago della Fisascat CISL Piemonte Orientale – svolgendo compiti come la sanificazione e parliamo di attività che richiedono procedure complesse.

Lo stato d’agitazione era stato aperto a fine marzo da Fisascat Cisl e a inizi aprile aveva aderito anche il personale Usb. Al centro della protesta dei sindacati c’è la «recente aggiudicazione della gara di appalto bandita da Scr Piemonte e riguardante le pulizie e sanificazione nelle Asl delle province di Novara, Verbania, Vercelli e Biella (lotto 5) aggiudicata alla Markas srl con un ribasso d’asta del 30,12% – spiegava Rago all’apertura della vertenza – Il lotto 5 è parte di una gara più ampia che coinvolge circa 3.000 lavoratori, di cui circa 130 in provincia di Novara e che dal 2018 giaceva sospesa con continue proproghe, ma che seppur in epoca Covid ha visto un’accelerata improvvisa. L’aggiudicazione delle gare è stata fortemente contestata dalle aziende escluse, a tal punto che sono numerosi i ricorsi presentati al Tar, che si esprimerà in merito a novembre di quest’anno».

Il 12 aprile si è tenuto un incontro in Prefettura: «Scr non si è presentata – riferisce Lanni – e la situazione ha una serie di punti oscuri: da una parte sembra che nelle province di Biella e di Verbania il personale sia effettivamente inferiore rispetto a quello previsto in servizio».

«In questi giorni – aggiunge Luca Trinchitella della Fisascat Cisl Piemonte Orientale – abbiamo anche scoperto che le figure professionali operanti nell’appalto in provincia di Verbania comunicate da SCR alle aziende che partecipavano alla gara sono state 27 (con contratto delle Cooperative sociali) e non le attuali 93 che operano in provincia regolarmente assunte con il Contratto Multiservizi/pulizia. Abbiamo richiesto un incontro a Scr e Markas, ma non abbiamo ottenuto nessuna risposta».

Altro punto poco chiaro secondo Lanni è se «l’affidamento partirà effettivamente il 1° luglio o se sia stato temporaneamente bloccato. Ci stupisce anche che Asl e ospedale Maggiore dicano poco niente sulla questione, sia sul piano della qualità del servizio che sarà offerto sia sulle condizioni che riguardano direttamente gli addetti alle pulizie dei loro locali. È una questione delicata», conclude Lanni.

Lo sciopero è in programma in tutte le province toccate dall’appalto. A Torino è anche previsto un presidio sotto la sede della Giunta regionale.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Elena Ferrara

Elena Ferrara

Nata a Novara, diplomata al liceo scientifico Antonelli, si è poi laureata in Scienze della Comunicazione multimediale all'Università degli studi di Torino. Iscritta all'albo dei giornalisti pubblicisti dal 2006.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni