Fondazione Roche premia lo studio di una ricercatrice dell’Upo

La Fondazione Roche con il bando “Fondazione Roche per la Ricerca Indipendente” ha recentemente premiato otto progetti, uno dei quali nell’ambito delle malattie respiratorie è condotto dalla dottoressa Maria Talmon, postdoc del Laboratorio di Farmacologia del Dipartimento di Scienze della Salute, diretto dalla dottoressa Luigia Fresu.

La ricerca sarà svolta presso il Dipartimento stesso e verrà finanziata con un premio da 50 mila euro. Il progetto prevede l’identificazione di possibili mutazioni ricorrenti nella sequenza genica di due recettori del gusto dell’amaro che si è recentemente scoperto essere presenti a livello polmonare.

Lo scopo del progetto è quello di definire un marcatore biologico che possa facilmente identificare una popolazione a rischio di sviluppare l’asma, e che rappresenti anche un facile bersaglio molecolare per nuovi farmaci antiasmatici.

«Da diversi anni – ha sottolineato la dottoressa Fresu – Maria Talmon si dedica a questo progetto sui recettori dell’amaro, in collaborazione con la dottoressa Federica Pollastro del Dipartimento di Scienze del Farmaco. Questo finanziamento è un premio alla sua dedizione e alla sua passione per la ricerca».

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: