Malpensa, per un mese chiude una pista: «Atterraggi e decolli su sponda piemontese»

A evidenziare la situazione è l’avvocato Gallanti, presidente del Comitato di cittadini di Varallo Pombia per l’aeroporto di Malpensa: «Come al solito non siamo stati avvisati»

Malpensa, dal 9 settembre al 13 ottobre chiude la pista lombarda 35R/17L. La comunicazione arriva direttamente da Sea, la Società esercizi aeroportuali. «Come al solito non siamo stati avvisati»: è la voce che arriva dal Comitato di cittadini di Varallo Pombia per l’aeroporto di Malpensa. «La comunicazione ufficiale è arrivata soltanto ai comuni lombardi, ma il fatto è che, – spiega l’avvocato Gallanti – tutti i decolli e gli atterraggi avverranno sulla sponda piemontese e nessuno è stato avvisato. Come sempre i cittadini piemontesi valgono zero».

A confermare la mancata ricezione di un avviso è la Provincia di Novara: «I nostri uffici sono sempre tempestivi nelle comunicazioni, – spiega il consigliere Michela Leoni – non abbiamo ricevuto nulla, per cui mi sento di escludere la presenza di comunicazione ufficiali». E aggiunge: «Allo stesso tempo non posso confermare la presenza di traffico unicamente sul suolo piemontese, sarà un discorso da affrontare dopo uno studio e un confronto. Ne parleremo a settembre quando avremo l’incontro con Sea».

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Elena Mittino

Elena Mittino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SEGUICI SUI SOCIAL