Il riso Razza 77 omaggia Dante Alighieri

Il riso Razza 77 omaggia Dante Alighieri. Dopo il primo esempio in Italia di tanbo art (letteralmente l’arte della risaia, molto famosa in Giappone), gli agricoltori del riso Razza 77, coltivato in alcuni dei comuni della Bassa novarese, tornano a comporre vere e proprie opere d’arte nelle risaie.

Questa volta l’omaggio è stato fatto in occasione delle celebrazioni per i 700 anni dalla morte di Dante Aligheri con la realizzazione di una figura stilizzata che ricorda l’iconografia del sommo poeta e il marchio che identifica il Razza 77.

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Una risposta

  1. dversamente dai vitigni le tipologie di riso non derivano da piante autoctone se non qualche lontana origine medioevale ben diverse da quelle attuali piú vicino al panicum o miglio. Tutte le piante dell’ultimo secolo sono frutto di incroci piú o meno riusciti. É bene quindi informare l’utente per evitare che si convinca che questo o quel riso sia una “vitigno” ma nello steso tempo é importante salvare e promuovere quegli incroci ben riusciti come R77, RB, Balilla, Vialone, Roma, ecc. . e ricordare come i risotti tradizionali preferivano chicchi tondi in grado di rilasciare amido in giusta misura e assorbire il condimento. La tenuta alla cottura x chi lo sa fare non é mai stato un problema; é una comoditá x quochi indaffarati non sinonimo di qualità!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: