Il menù d’asporto a sostegno di trovatelli e famiglie bisognose

Il menù d’asporto a sostegno dei trovatelli e delle famiglie bisognose. Il tradizionale appuntamento con la “cena gattosa”, promossa dal Parco cani-gattile di Galliate e dal ristorante Vecchia dogana quest’anno va in scena in versione “take away” e offre anche un contributo alle famiglie in difficoltà del comune dell’Ovest Ticino. L’iniziativa è in programma per domenica 29 novembre e le prenotazioni sono ufficialmente aperte, ecco come funziona.

«Per non rinunciare alla manifestazione siamo stati costretti a proporla in chiave “menù d’asporto”, ma in questo momento di difficoltà, dettato dalla pandemia, abbiamo pensato di allargarla e far sì che si potessero anche acquistare dei pasti per le famiglie galliatesi bisognose – spiega Daniela Monfroglio, responsabile del Parco cani-gattile – E’ possibile partecipare secondo due modalità: per ogni menù prenotato saranno devoluti 5 euro per l’acquisto di cibo per le famiglie, oppure è possibile devolvere direttamente un menù. Mi piace sottolineare che la seconda formula è stata realizzata dopo che in molti avevano chiamato me e Andrea Carrozzo della Vecchia dogana, preferendo fare solo beneficienza, senza acquistare il pasto per sé. Ci è sembrato un bel gesto e una bella iniziativa, che speriamo possa dare gioia a tante famiglie».

Le prenotazioni sono aperte fino al 27 novembre, contattando via whatsApp il numero 347.7944349 indicando la quantità e la tipologia di menù; chi prenota per sé deve anche indicare la fascia oraria, tra le 11,30 e le 13,30, in cui vorrà effettuare il ritiro presso il ristorante di via del Piaggio a Galliate.

Il saldo va fatto tramite bonifico intestato a: Ristorante Vecchia Dogana di Carrozzo Andrea
IT 64 O 05034 45400 000000000560

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Elena Ferrara

Elena Ferrara

Nata a Novara, diplomata al liceo scientifico Antonelli, si è poi laureata in Scienze della Comunicazione multimediale all'Università degli studi di Torino. Iscritta all'albo dei giornalisti pubblicisti dal 2006.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SEGUICI SUI SOCIAL